Torna “Io non rischio”, la campagna nazionale sulle buone pratiche di protezione civile

Il 13 ottobre volontari in piazza a Massa e Fivizzano

0
102

Torna nelle piazze italiane “Io non rischio” la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile promossa dal Dipartimento della Protezione Civile.
La novità principale di questa nona edizione sul territorio provinciale vede il raddoppio delle piazze: Piazza Aranci, a Massa (sui rischi terremoto e maremoto) e Pizza Medicea, a Fivizzano (rischio terremoto).

Domenica 13 ottobre 2019 ci saranno i punti informativi allestiti dai volontari e dalle volontarie di protezione civile (Vab per Massa e Pubblica assistenza Avis per Fivizzano) per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini.
Andando nelle piazze di “Io non rischio 2019”  si può scoprire cosa ognuno di noi può fare per contribuire a ridurre il rischio conoscendo quali sono i comportamenti da tenere prima, durante e dopo un evento.

Cosa accade durante un terremoto? Nella piazza Aranci di Massa sarà possibile, grazie alla presenza di una tavola vibrante e di un ingegnere, osservare una simulazione di un terremoto e conoscere particolari interessanti.
Ci sarà la cartellonistica sui livelli di rischio dei territori, materiale informativo utile per ripassare, una volta tornati a casa, come ci si deve comportare di fronte a un’emergenza, ci saranno le tende, per vedere da vicino come è affrontato e come si svolge la vita durante un evento.

Ma a “io non rischio” anche i più piccoli diventano protagonisti di attività a loro dedicate per imparare e conoscere giocando. Come? Partecipando a una caccia al tesoro oppure al gioco dell’oca o magari scuriosando attorno a una casetta di cartone per vedere cosa succede se arriva un terremoto, oppure cercando di risolvere un cruciverba o magari tentando di comporre uno zainetto in caso di emergenza. A chi vi parteciperà sarà consegnato, come premio, un gadget.

Quest’anno la campagna “Io non rischio”, che cade proprio in occasione della giornata internazionale per la riduzione dei disastri naturali, aprirà la prima “Settimana nazionale della protezione civile”, 7 giorni di eventi ed iniziative a livello nazionale e locale in cui i cittadini italiani potranno conoscere più da vicino il Servizio nazionale della protezione civile.
L’edizione 2019 coinvolge oltre 5.000 volontari e volontarie appartenenti a 750 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui