Comune di Pontremoli e vincitrice del Premio Bancarellino Giulia Besa al convegno “Le isole in rete. L’arte di accorciare le distanze” a Lipari

0
675

La lettura avvicina. Il libro unisce.
Le emozioni della condivisione del libro con l’autore e con gli altri lettori diventa elemento di coscienza collettiva e a crescita del tutto.
Questo è il filo che unisce Pontremoli alle piccole isole e a Lipari in particolare, isole Eolie, dove proprio nei giorni scorsi si è tenuto un importante convegno dal titolo “Isole in rete. L’arte di accorciare le distanze”, al quale ha partecipato anche il comune di Pontremoli portando l’esperienza della sperimentazione fatta a maggio 2019, o della partecipazione della classe II media dell’Istituto Comprensivo “Rallo” di Favignana al Premio Bancarellino.
Al convegno hanno partecipato anche il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini e la vincitrice dell’edizione 2019 con Gemelle (giunti Editore), Giulia Besa. Proprio la sua presenza e la casuale pubblicazione lo scorso 18 settembre del suo ultimo romanzo, ha favorito l’organizzazione della presentazione a Lipari, grazie all’associazione “Centro Studi Eoliano” in collaborazione con la Società Verve e il comune di Lipari. Il tutto poi è avvenuto grazie all’opera del direttore dei Servizi Generali Amministrativi Grazia Verduci, che ha voluto e saputo creare queste importanti reti e significativi momenti di incontro e di confronto.
Grande è la soddisfazione per aver avuto l’occasione di portare il Premio Bancarellino quale opportunità di crescita del percorso grazie all’utilizzo della app per il voto a distanza messa a punto dal dottor Biagi sempre grazie al progetto di promozione culturale della Società Verve, alla rete delle piccole isole.
Le emozioni e le suggestioni che Giulia Besa ha saputo comunicare con il libro vincitore diventa occasione per proseguire il viaggio “partecipato” da ogni lettore dei diversi protagonisti che ben presentano uno spaccato della società che ci accoglie.
Desiderio della città del Premio Bancarellino è, anche grazie all’utilizzo di strategie tecnologiche, sostenere e implementare il meraviglioso mondo della lettura e del libro cartaceo proprio con quella fascia di età ancora capace di stupirsi e di viaggiare con la propria fantasia.
“Grande emozione nel portare il mondo di Giulia a Lipari – ha commentato entusiasta il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini – e cogliere l’occasione, da lei esplicitata nella dedica del suo libro, di portare in un luogo da sogno la sua promessa d’amore”.
“Ho potuto avere esperienza diretta di cosa significhi per chi vive nelle Eolie sentirsi difficilmente collegati al mondo esterno – ha commentato la scrittrice Giulia Besa – E se da un lato, anche grazie alla distanza, queste isole mantengono l’unicità che le contraddistingue, dall’altro la stessa distanza rende difficoltosa la condivisione delle esperienze con persone che non siano di quel mondo. Il Premio Bancarellino 2019 ha superato questa distanza, mettendo in contatto Pontremoli e le isole. Ho avuto il piacere di conoscere i ragazzi dell’Istituto Comprensivo ‘Rallo’ di Favignana durante una videochiamata organizzata negli uffici del comune di Pontremoli pochi giorni dopo il Bancarellino. La classe aveva partecipato tramite un collegamento telematico al Premio: gli studenti avevano potuto votare i loro libri preferiti in diretta, senza necessità di viaggiare. Durante la presentazione del mio nuovo libro, ho potuto discutere la circostanza con dirigenti scolastici e insegnanti provenienti da scuole italiane dalle Egadi alla Sardegna. Ci siamo confrontati su cosa ha significato per i ragazzi poter partecipare direttamente a un premio come il Bancarellino, ‘incontrandosi’ e parlando con gli altri studenti delle scuole italiane partecipanti, e con gli autori finalisti presenti al premio. Una possibilità che speriamo tutti si ripeta in futuro, magari anche coinvolgendo più isole”.

Leggi anche:

Pontremoli: premiata la prima edizione del Concorso Letterario Un Borgo da raccontare

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.