Cambiamenti climatici e ambiente: quale futuro per il nostro pianeta? Se ne parla alla XVI edizione del Festival della Mente

L'appuntamento è dal 30 agosto al 1 settembre a Sarzana

0
651

La 16^ edizione del Festival della Mente si terrà il 30, 31 agosto e l’1 settembre 2019 a Sarzana e come di consueto proporrà incontri, spettacoli e momenti di approfondimento culturale con grandi scienziati, letterati e artisti, oltre a un ricco programma per bambini e ragazzi – un vero e proprio festival nel festival – e diversi eventi paralleli. Il Festival della Mente, con la direzione di Benedetta Marietti, è promosso dalla Fondazione Carispezia e dal comune di Sarzana. Quest’anno saranno diversi gli appuntamenti dedicati all’ambiente e ai cambiamenti climatici.

Come sarebbe la Terra senza la nostra pervasiva presenza? Deforestazione, urbanizzazione selvaggia, inquinamento e sfruttamento indiscriminato delle risorse non si fermano perché sono alimentati dai nostri attuali modelli di sviluppo e di consumo. È un comportamento davvero poco sapiens. Su questo rifletterà il filosofo della scienza Telmo Pievani al Festival della Mente venerdì 30 agosto alle ore 19 al Canale Lunense.

Telmo Pievani è ordinario di Filosofia delle scienze biologiche presso l’Università degli Studi di Padova. È presidente della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica e membro del direttivo dell’Istituto Italiano di Antropologia. A fine agosto uscirà per Contrasto La terra dopo di noi (con Frans Lanting).

Creare un’arca immateriale che custodisca i suoni del mondo per le generazioni future e un’arca tecnologica – la Sonosfera – dove farne esperienza con il suono 3D, significa salvaguardare la pluralità degli ecosistemi accrescendo, in questo modo, la coscienza ecologica pubblica. Frammenti di estinzione è il progetto polifonico che David Monacchi porterà al Festival della Mente sabato 31 agosto alle ore 9.45 al cinema Moderno. All’interno dell’evento, anche la proiezione del pluripremiato film di Monacchi Dusk Chorus.

David Monacchi (Urbino, 1970) è un artista interdisciplinare, compositore e ingegnere del suono. Conduce una ricerca sul patrimonio dei suoni delle foreste primarie equatoriali. Di recente, è stato invitato alla Conferenza ONU sulla biodiversità COP-14. È inoltre membro fondatore della International Society of Ecoacoustics.

Come sta cambiando il clima della Terra? E quale tipo di clima ci aspettiamo nel futuro?

Leggi anche:

Anche Lorenzo Jovanotti al Festival della mente

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.