Licciana Nardi, Carlotti: l’amministrazione ha considerato i fondi regionali per l’edilizia popolare?

0
865

L’ex vicesindaca reggente di Licciana Nardi Michela Carlotti ha presentato in comune un’istanza di accesso civico generalizzato, ai sensi dell’art. 5 comma 2 d.lgs. 33/2013, per avere informazioni sui fondi destinati all’edilizia popolare. La regione Toscana infatti ha emesso un decreto dirigenziale, il 4830/2019, con il quale stabilisce che siano messe a disposizione dei comuni risorse economiche per l’acquisto di immobili da privati da destinare ad edilizia pubblica.
“Quello dell’accesso civico generalizzato – spiega Carlotti – è uno strumento che utilizzo come cittadina per avere informazioni sull’attività amministrativa del mio comune.
Come ex vicesindaca reggente, dico che la misura della regione Toscana rappresenta un’importante opportunità per fronteggiare le emergenze abitative che si verificano sul territorio.
A fronte della carenza di alloggi popolari da una parte, e dei vari casi di emergenze abitative dall’altra, rappresenta una preziosa opportunità per il comune e per la cittadinanza.
Mi auguro che l’amministrazione comunale di Licciana Nardi l’abbia colta. In caso contrario sarebbe veramente un grave segnale di inefficienza amministrativa. Le politiche sociali sono una cosa seria e non un biglietto da visita da far esibire all’assessore di turno”.
Nell’istanza Carlotti sprona il comune ad aderire alla definizione delle proposte di acquisto vista la carenza di alloggi Erp disponibili a Licciana Nardi e il crescente bisogno di case, legato al disagio abitativo e socio economico nella zona.

Leggi anche:

Danni causati dai lupi: via alle richieste di risarcimento per le aziende della Lunigiana