Fratelli d’Italia contrario al Toscana Pride di Pisa, “una grave deviazione di pensiero”

0
440
collage busetto fdi

“Al di là delle nostre personali convinzioni in materia, rispettiamo il diritto di tutti a manifestare il proprio pensiero; tuttavia non esiste alcun diritto alla bestemmia, alla volgarità, ed all’oscenità”.

“Al Gay Pride toscano, svoltosi sabato a Pisa, però, sono comparse con il beneplacito degli enti promotori e patrocinanti, scritte oscene, inneggianti la blasfemia ed al vilipendio di religione, che nulla hanno a che fare con i diritti delle persone omosessuali”.

“Tra gli Enti che hanno patrocinato la manifestazione compaiono anche le Province di Grosseto, Livorno, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia e Prato. Ci domandiamo: tali Enti provinciali avallano tale tipo di esternazione, approvando le scritte comparse su cartelli e striscioni?”

“Invitiamo pertanto i relativi Presidenti a fornire pubblicamente urgente spiegazione auspicando una pronta presa di posizione contro quanto è avvenuto a Pisa”, si legge in una nota stampa di Elena Bardelli e Michela Senesi Dipartimento scuola FDI Toscana, Marina Staccioli Coordinatrice dei Dipartimenti Regionali toscani.

Conclude la nota Emanuela Busetto Dipartimento Sociale e Servizi alla Persona toscano: “Il pensiero unico dominante mina la nostra epoca colpendola alla radice: la famiglia, nel suo nucleo innocente i bambini costretti ad assorbire culture devianti che nulla hanno a che vedere con la difesa di un diritto. Il rispetto delle diversità si insegna, non si ostenta. Conoscere le diversità implica un percorso di pensiero che ha tempi di apprendimento che si concludono con la maturità. Velocizzare ed annacquare il sistema è danneggiare e violentare piccole menti. Difendiamo i nostri bambini, il futuro che avanza, da questi loschi intenti. Il diritto non è favoritismo, non è blasfemia, volgarità e violenza. Chi lo chiede violando le norme base del buonsenso non può pretenderlo”.