Sequestrati beni ad azienda del marmo, non aveva dichiarato oltre 3,3 milioni di ricavi

0
510

La Guardia di finanza ha sequestrato beni immobili per 600mila euro a due imprenditori che operano nel settore dell’intermediazione del commercio del marmo, amministratori di una società con sede a Massa.

Nel corso degli accertamenti fiscali sono emerse ripetute violazioni tributarie tra cui la mancata dichiarazione dell’Iva per il 2016 e il 2017.

In totale l’ammontare dei ricavi sottratti all’imposizione fiscale è risultato essere di oltre 3.300.000 euro, per una evasione dell’Iva pari a 664.000 euro.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.