Massa: la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino straniero nei pressi della ex colonia “Motta”

0
238
polizia

Nel corso dei consueti servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e contrasto dei reati in materia di stupefacenti, svolti a Massa nel pomeriggio del 3 giugno, gli uomini della Squadra Volante della Questura di Massa Carrara hanno tratto in arresto un cittadino straniero, per i reati di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

Nel percorrere Via Don Gnocchi, l’equipaggio di una “pantera” della Polizia di Stato ha notato un individuo che si aggirava con fare sospetto nei pressi della ex Colonia “Motta”, un grande complesso immobiliare di Marina di Massa abbandonato, circondato da una folta vegetazione, notoriamente frequentato da soggetti senza fissa dimora, pregiudicati dediti allo spaccio di droga e tossicodipendenti, per questo motivo costantemente sorvegliato. Alla vista del personale in divisa, l’uomo si è dato a precipitosa fuga, tentando di liberarsi di un sacchetto di plastica che portava con sé.

Dopo un breve inseguimento all’interno del vicino Parco di Ricortola, gli Agenti sono riusciti a bloccare la persona e a recuperare, nella boscaglia, il sacchetto di plastica, all’interno del quale veniva rinvenuto un coltello a serramanico, un bilancino di precisione regolarmente funzionante e un rotolo di pellicola utilizzata per il confezionamento di sostanza stupefacente.

Il soggetto, un nord africano di 27 anni, irregolare sul territorio nazionale e con a carico diversi precedenti per reati in materia di stupefacenti, è stato accompagnato in Questura per gli accertamenti di rito.

Al termine della perquisizione personale, i Poliziotti hanno rinvenuto diverse banconote di piccolo taglio, probabile provento dell’attività di spaccio, sottoposte a sequestro penale, per un totale di 155 Euro.

Il reo, sprovvisto di qualsiasi documento, è stato sottoposto a fotosegnalamento per risalire alle esatte generalità. Una volta esaminati gli alias, a carico del medesimo è emerso un provvedimento di cattura per esecuzione di ordine di carcerazione del marzo scorso. Per tale motivo, dopo essere stato tratto in arresto per i reati di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere, l’individuo è stato associato presso la Casa di Reclusione di Massa, in esecuzione della misura cautelare.

I servizi di prevenzione sono proseguiti fino a tarda sera nel centro cittadino, sul Lungomare di Massa e nei pressi della Stazione Ferroviaria, anche con l’ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze. Nel complesso, si è proceduto al controllo di 80 persone e 30 autovetture.