In Lunigiana alberi dedicati all’arte-canzone in collaborazione con il Premio Lunezia

0
405
canzoni

Sabato 15 giugno alle ore 18,00, nella Selva di San Genesio a Filetto, l’Amministrazione Comunale di Villafranca  inaugurerà 13 targhe con i titoli di altrettante canzoni vincitrici del Premio Lunezia. Alle canzoni che hanno segnato la storia del Premio Lunezia  verranno intitolati 13 alberi di castagno prescelti nella suggestiva “Selva di Filetto”.

“Canzoni tra gli alberi” sarà il titolo del percorso che motiverà, di albero in albero, le ragioni poetiche ed emozionali delle tante canzoni protagoniste al Premio Lunezia dal 1996 ad oggi.

La Selva, luogo storico e punto nevralgico delle attività turistiche e culturali del Comune di  Villafranca in Lunigiana ha sempre avuto un legame speciale con la musica, in particolar  modo negli anni 70 e 80 quando era il palcoscenico della Lunigiana. Quest’estate il legame verrà rinsaldato da un nuovo progetto in collaborazione con il patron del Premio Lunezia, Stefano De Martino.

Infatti, da un’idea di Raffaele Giraldi, già ideatore e organizzatore del premio villafranchese “Leon d’Oro”, l’amministrazione comunale intitolerà 13 castagni della Selva ad altrettante canzoni che hanno fatto la storia del Premio Lunezia, ciò per iniziare un percorso che verrà arricchito di nuove canzoni anno dopo anno.

“Canzoni tra gli alberi” vuole anche avere una prerogativa dal punto di vista ambientale e di riqualificazione della Selva, poiché dopo tanti anni l’anno scorso è ricominciata la ripiantumazione.

L’iniziativa, inoltre, segnerà l’inizio di una collaborazione tra il Patron De Martino e la giunta del sindaco Filippo Bellesi, che porterà ad una serata di musica e cultura, sempre nella cornice del castagneto, nei giorni di San Genesio (24/25 Agosto): un salotto letterario con protagonista un artista vincitore delle scorse edizioni del Premio Lunezia.

Ed ecco le prime 13 Canzoni e i relativi autori che saranno abbinati a 13 alberi della Selva di Filetto :

“Mille giorni di te e di me”, Claudio Baglioni, Premio Lunezia 2003;

“Smisurata preghiera”, Fabrizio De André, Premio Lunezia 1997;

“Parole senza musica”, Loredana Danghera – Gaetano Curreri, Sigla Premio Lunezia;

“Giudizi universali”, Samuele Bersani, Premio Lunezia 1998;

“Le rose blu”, Roberto Vecchioni, Premio Lunezia 2013;

“Lo sai da qui”, Giuliano Sangiorgi (Negramaro), Premio Lunezia 2017;

“Costruire”, Niccolò Fabi, Premio Lunezia 2012;

“Guardastelle”, Pino Romanelli – Bungaro, Premio Lunezia 2004;

“Mentre dormi”, Max Gazzè, Premio Lunezia 2011;

“La libertà”, Marco Masini, Premio Lunezia 2004;

“Musica moderna”, Ivano Fossati, Premio Lunezia 2009 (per il brano e l’album omonimo);

“Non ci sono anime”, Antonello Venditti, Premio Lunezia 2012 (per il brano e l’album “Unica”);

“Cinque giorni”, Michele Zarrillo – Vincenzo Incenzo, Premio Lunezia 1998.