Nuovo picco di presenze e arrivi a Lerici

Continua il trend turistico positivo

0
420
Immagine copertina fb Mytiliade

L’Osservatorio turistico regionale ligure ha reso noti i dati relativi al mese di marzo 2019, confermando il ruolo di capofila provinciale che, anche questo mese, Lerici svolge.

Il mese di marzo chiude infatti con un +14,41% di arrivi e un +16,83% di presenze rispetto allo stesso mese del 2018.

Un trend estremamente positivo quello del primo trimestre del 2019, che vede un +18,30% di arrivi e un +20,19% di presenze nei primi tre mesi dell’anno rispetto all’anno precedente.

“Se si considera che il dato relativo a marzo di quest’anno è confrontato con quello dello stesso mese del 2018, che comprendeva anche le festività pasquali, non possiamo che essere davvero entusiasti dei numeri pubblicati, in crescita esponenziale – commenta l’assessore al Turismo Luisa Nardone -. Confidiamo che il primo trimestre sia di buon auspicio per tutto l’anno. Questi numeri danno ancora maggiore stimolo all’Amministrazione di proseguire con costante impegno nelle attività di promozione di Lerici come destination branding in Italia e nel mondo, a fianco delle attività ricettive e degli operatori del territorio, i quali svolgono il ruolo fondamentale di accoglienza dei turisti, fidelizzandoli e accompagnadoli alla scoperta di tutto ciò che il territorio offre”.

In netta controtendenza i dati registrati negli altri comuni della Provincia: dato negativo quello di Monterosso, perla delle Cinque Terre, che ha conta un -14,66% di arrivi e un -15,78% di presenze, e quello di Levanto, che nel mese di marzo ha registrato un -21,06% di arrivi e un -18,39% di presenze.

Segno positivo quello della città della Spezia, che chiude il mese di marzo con un +11,66% di arrivi e un +4,37 di presenze.

Gettando uno sguardo più ampio: la Provincia della Spezia registra nel mese di marzo un -2,31% di arrivi e un +1,16%

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.