Pontremoli: lo stand dei carabinieri alla Giornata della Sicurezza, tra mezzi militari e tanti bambini

0
115

Sabato scorso a “Una giornata in sicurezza”, organizzata dal comune di Pontremoli, erano presenti i carabinieri della compagnia locale con il loro stand espositivo. L’iniziativa ha riscosso un grande successo soprattutto tra i più piccoli. In tantissimi hanno voluto provare l’ebbrezza di essere carabinieri, anche solo per un momento, salendo a bordo dei mezzi dell’Arma esposti e immortalando il felice momento con una foto ricordo.
Allo stand erano presenti anche alcuni dei reparti speciali dell’Arma quali il nucleo cinofili di Pisa, con il loro cane antidroga ed i carabinieri forestali. Le attività in cui i militari hanno coinvolto i più piccoli sono state diverse, l’intervento sulla scena del crimine e la rilevazione delle impronte, con i bambini che hanno assistito alle procedure svolte dai reparti tecnici dell’Arma, le attività specializzate svolte nei boschi dai carabinieri forestali che hanno mostrato ai più piccoli le loro attività quotidiane, i posti di controllo con i bambini che con berretto e paletta d’ordinanza si sono divertiti a simulare il controllo di autovetture su strada, la ricerca di sostanza stupefacente, con l’impiego del cane del nucleo cinofili che si è esibito nella simulazione di una ricerca di droga in auto e sulla persona.
I mezzi esposti nell’occasione sono stati la motoslitta utilizzata dalla stazione di Zeri per il soccorso sulle piste da sci, la motocicletta dei motocliclisti della Benemerita, l’ Alfa Romeo Giulietta delle pattuglie radiomobili e la Jeep Renegade. Tanti giovani hanno ascoltato con attenzione i video proiettati che illustravano l’organizzazione e i compiti dei carabinieri ed i più conosciuti reparti speciali dell’Arma come il Gis, il Racis ed il Raggruppamento Operativo Speciale. Sono stati in tanti a mostrarsi interessati ed a porre domande sia sull’organizzazione dell’Arma sia sulle procedure di arruolamento. Ad essere esposte diverse uniformi dei carabinieri come l’uniforme da ordine pubblico completa di casco e scudo usata dai Battaglioni Mobili, la Grande Uniforme Speciale, l’uniforme dei carabinieri sciatori.
Presente anche una raffigurazione del famoso carosello equestre con cui i carabinieri del reggimento a cavallo rievocano ogni anno la gloriosa “Carica di Pastrengo” del 30 aprile 1848 con cui gli allora carabinieri reali scrissero le prime pagine della storia d’Italia. Tanti i cittadini che hanno rivolto parole d’apprezzamento ai militari per il loro operato quotidiano anche se i più emozionati sono stati i più piccoli particolarmente felici di sentirsi carabinieri nell’attesa che qualcuno tra loro, tra pochi anni, continui a scrivere da protagonista le future pagine della storia dell’Arma.

Leggi anche:

Aldo Giubilaro saluta i carabinieri del comando provinciale di Massa Carrara al termine del mandato