Ad Aulla un incontro con il poeta Sandro Angelucci

0
139
Sandro Angelucci

Sabato 11 maggio alle ore 16, presso la sala capitolare dell’abbazia di San Caprasio ad Aulla, il noto poeta, critico letterario e saggista Sandro Angelucci incontrerà la popolazione e presenterà la sua ultima fatica letteraria intitolata “Titiwai”, di cui Franca Alaimo ha curato la prefazione e Franco Campegiani la postfazione.

“È un grande onore ospitare nella nostra città – commenta la delegata alla cultura del Comune di Aulla, Marina Pratici – un autore del calibro di Sandro Angelucci, un poeta fra i massimi del panorama nazionale contemporaneo”.

“Con lui prosegue il percorso “L’avventura senza fine – Poeti di oggi”, che ha visto ad Aulla le poetesse Ester Cecere e Rita Iacomino, entrambe pluripremiate in concorsi letterari nazionali e internazionali”.

Sarà la stessa Marina Pratici a portare i saluti dell’Amministrazione comunale aullese assieme al sindaco Roberto Valettini, che lasceranno, poi, spazio all’introduzione dell’evento da parte di Riccardo Boggi (direttore del museo dell’abbazia di San Caprasio) e di Lorella Giuli (presidente dell’Associazione “Amici di San Caprasio”).

Quindi, a relazionare sulla produzione poetica di Sandro Angelucci sarà il professor Franco Pezzica (noto critico letterario e docente, nonché membro di prestigiose giurie letterarie), mentre le letture di estratti del libro “Titawai” saranno affidate alla poetessa Egizia Malatesta.

Infine, la giornata entrerà nel vivo con la conversazione fra Sandro Angelucci e Gaia Greco (presidente dell’Associazione “Culturalmente Toscana e dintorni”).

L’incontro è organizzato dell’Associazione “Amici di San Caprasio”, dal Cenacolo artistico letterario “Roberto Micheloni”, dal Centro aullese di studi e ricerche lunigianesi, dall’Associazione “Alberico Benedicenti”, dall’Associazione “Manfredo Giuliani”, dal Centro lunigianese di studi danteschi, dall’Associazione “Etrusca Luni” e dall’Associazione “Culturalmente Toscana e dintorni”, con la collaborazione del Comune di Aulla.

Poeta, critico letterario e saggista, Sandro Angelucci vive a Rieti, dove è nato nel 1957.

Di professione insegnante, collabora a varie riviste culturali nazionali con recensioni, note critiche e testi poetici, e ha ottenuto numerosi riconoscimenti, classificandosi spesso, per l’edito, al primo posto.

Un suo profilo critico è inserito nel quarto volume della “Storia della letteratura italiana – Il secondo Novecento” per Guido Miano editore a Milano.

Il suo nome figura in altre antologie e storie della letteratura, e del suo lavoro si sono occupati importanti critici, poeti e scrittori.

Ha pubblicato “Non siamo nati ancora” (Sovera editrice, Roma), “Il cerchio che circonda l’infinito” e “Verticalità” (Book editore, Ro Ferrarese) e “Si aggiungono voci” (Lietocolle editore, Faloppio).

“La poesia di Angelucci si contrappone alla dominante cultura del nichilismo a favore del movimento sacrale della vita, facendone emergere punti di luminosità e sorsi di gaiezza e speranza (gli uccelli, i bambini, il ritorno della primavera, i fiori) in cui decantare il dolore, per ritrovare l’oculare felicità delle cose e, soprattutto, la presenza dell’Assoluto” (Franca Alaimo).