Aulla: il sindaco Valettini fa il punto della situazione dopo la chiusura delle scuole

0
716
Roberto Valettini Pd

Fa il punto della situazione il sindaco di Aulla Roberto Valettini, in seguito ai sopralluoghi nelle scuole chiuse a causa degli allagamenti di giovedì scorso, “Il Girasole”, le scuole elementari di Aulla e della Filanda e quella di Albiano.

Le scuole riapriranno lunedì – spiega il sindaco all’Eco della Lunigiana – Sono incorso le verifiche e la sistemazione degli impianti elettrici per assicurarci che siano sicuri dopo essere entrati a contatto con l’acqua. Gli edifici saranno inoltre ripuliti e bonificati per accogliere i bambini alla riapertura”.

Sulle cause dell’allagamento del uovo plesso scolastico della Ragnaia, Vallettini afferma: “C’è stato un calo di materiale franoso dalla Brunella che si trova a monte dell’edificio e che ha determinato l’ostruzione dei tombini, facendo sì che l’acqua entrasse nella scuola. Bisogna comunque dare la giusta attenzione alla sicurezza, in modo che le grate rimangano libere anche nel caso di piogge torrenziali”. La verifica alle nuove scuole è stata effettuata dai tecnici della regione Toscana che non hanno riscontrato quindi difetti strutturali.

Per quanto riguarda la polemica sull’entrata in funzione dell’impianto idrovoro del Consorzio di Bonifica il sindaco di Aulla dichiara: “Le pompe sono entrate in funzione con circa 40 minuti di ritardo per un problema legato a una contingenza del momento. Se non sono necessari due generatori è bene che se ne istallino degli altri. Questo lo dico nell’interesse dei miei cittadini. Devo dire anche che il Consorzio si è attivato con tutti i mezzi possibili nel corso della giornata per tenere la situazione sotto controllo costante e collaborando con i comuni”.

I nuovi edifici della scuole medie non hanno subito danni e il comune fa sapere sulla sua pagina Facebook che “è già partito il progetto esecutivo per il nuovo canale di scolo che addurrà al fiume Aulella in maniera da alleggerire il deflusso delle acque verso il fiume Magra”.