Jacopo Ferri: “L’Ospedale di Pontremoli sempre più dimenticato da Regione ed Azienda Usl Toscana Nord Ovest”

0
84
Ospedale-di-Pontremoli

Riceviamo e pubblichiamo:

“È sabato pomeriggio (quello appena trascorso!) ed un paziente trattato al pronto soccorso dell’ospedale di Pontremoli necessita, ai fini di una corretta diagnosi, di un’ecografia all’addome.

Un esame semplice che viene eseguito senza problemi in qualunque struttura in ogni momento. Anche a Pontremoli negli altri giorni della settimana è così.

Ma il sabato pomeriggio no! La Regione e l’azienda Toscana Nord Ovest non sono ancora riusciti a risolvere o peggio non hanno voluto trovare soluzione al banale problema della copertura del turno del radiologo per il pomeriggio di sabato.

Una vergogna inaudita che nel caso di quel cittadino e di tanti altri pazienti più o meno urgenti in altre altre occasioni ha significato dover attivare un’ambulanza ed essere spediti al NOA per eseguire l’esame….. e per poi fare ritorno a Pontremoli per gli ulteriori accertamenti ed eventualmente per il ricovero!

Sempre a Pontremoli nei piani alti dell’Ospedale, praticamente sempre, le tubature vetuste e malridotte impediscono un fluire dell’acqua ai rubinetti che sia almeno decente. Facile immaginare i disagi per i pazienti ed i connessi problemi che possano derivarne anche agli operatori.

Il tutto mentre da anni si chiedono interventi per completare la ristrutturazione dei reparti e degli impianti.

È sanità questa? È attenzione ai territori? È rispetto del diritto alla salute?

No, è l’ulteriore scandalo di inefficienza e/o di inesistente volontà politica.

È uno schiaffo alla gente che vive territori più marginali e meno popolati.

È un insulto verso tutti gli operatori che ogni giorno cercano a Pontremoli, come in molte strutture analoghe in Toscana, di tappare le falle di un sistema che a forza di fare acqua sta generando alluvioni che travolgono diritti e servizi!

E intanto a Firenze Rossi e Saccardi si divertono a scrivere il nuovo Piano sanitario, con i direttori generali genuflessi in adorazione (i nuovi come i vecchi) ed i cittadini, come sempre, beffati ed abbandonati: le solite parole fuori dalla realtà!”

Jacopo Ferri – Capogruppo Cara Puntremal