Unione dei Comuni: Mastrini parla della Protezione Civile

0
36

“Spesso i cittadini si chiedono a che serve l’Unione dei Comuni, percepito come un ente distante, con il quale è difficile comunicare, del quale non si capisce l’utilità”.
L’assessore alla Protezione Civile, Matteo Mastrini, cerca di spiegare il senso dell’Unione e della sua delega: “I cittadini hanno ragione e le responsabilità sono della politica che spesso manca di apertura e trasparenza. Serve comunicare di più e meglio, trasferire costantemente le informazioni al territorio, senza avere paura di sbagliare e, se possibile, con coraggio. Per me amministrare significa questo, avere il coraggio delle proprie scelte”.
La Protezione Civile è una delle deleghe dell’Unione dei Comuni: “La Protezione Civile non può camminare a velocità diverse nei vari comuni – prosegue Mastrini – non ce lo possiamo permettere. Una parte del lavoro è stata fatta, ma tantissimo è ancora da fare. I comuni non avevano, in alcuni casi, piani di protezione civile aggiornati e soprattutto mancava un piano di protezione civile intercomunale“.
Un tassello importante è rappresentato dal volontariato: “Spesso le associazioni hanno colmato le inefficienze della politica e questo non è giusto. In questi mesi mi sono fatto carico di raccogliere le loro istanze: alcuni problemi sono stati risolti, ma tanti sono ancora sul tavolo.
Anzi tutto, nelle prossime allerte, ci occuperemo di offrire un pasto caldo ai volontari perché non è giusto che, oltre a non guadagnare nulla, debbano anche sostenere le spese per il cibo durante il servizio.
Un altro passo è stato quello di dotare i comuni che ne erano sprovvisti di nuovi impianti radio per comunicare nelle emergenze”.
Una macchina complessa e delicata: “Ora abbiamo un Coordinamento del Volontariato, che si attiva presso l’Unione dei Comuni e del quale fanno parte numerose associazioni lunigianesi. Non basta ringraziarle per quello che fanno, dobbiamo migliorare il supporto e lo faremo nelle prossime settimane.
Un’allerta non si affronta quando viene emanata, ma nei mesi precedenti, esercitandosi ed organizzandosi.
Ringrazio il presidente Roberto Valettini per la disponibilità e le risorse investire per la Protezione Civile”