Fivizzano: porte aperte all’Istituto Pacinotti sabato 26 gennaio dalle 14.30

0
165

L’indirizzo professionale dei Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale del “Pacinotti” di Fivizzano è una scuola piccola, in coabitazione con l’Agrario, ma è un istituto che ha un pregio particolare: si prende cura dei ragazzi con particolare riguardo e con quelle affabilità e premura che si ritrovano di solito in una famiglia.
“Vogliamo ricordare ai genitori e ai loro figli – spiegano dalla scuola – che fra pochi giorni saranno chiamati a scegliere cosa faranno dopo le medie, che il Socio-Sanitario è sicuramente uno di quei corsi di studio che offre maggiori opportunità ai giovani che vivono in questo nostro territorio. Oltre a fornire le basi e i requisiti di legge per accedere a qualsiasi corso di laurea universitaria, il corso sviluppa le competenze specifiche della figura professionale dell’Addetto all’Assistenza di Base. Una figura professionale che, in una realtà come quella lunigianese, offre reali prospettive di trovare un’occupazione lavorativa, senza allontanarsi troppo da casa, dato il gran numero di strutture assistenziali presenti sul territorio e nelle località limitrofe. In più, in aggiunta all’offerta formativa canonica prevista dal Ministero dell’Istruzione, già da tre anni il corso è fornito di una chiave di accesso altamente agevolata e gratuita all’esame di qualifica per Operatore Socio Sanitario (comunemente detto OSS) attraverso quella che nei due anni passati è stata una fase sperimentale triennale, avviata in sinergia tra le ASL e le autorità scolastiche della Toscana, e che proprio nel 2019 giunge al suo primo compimento. Inoltre, le previste attività di Alternanza scuola lavoro hanno permesso l’interazione progettuale fra aziende sanitarie locali e istruzione scolastica della Toscana, per dare agli studenti del corso Socio-Sanitario quest’ulteriore opportunità formativa professionale. Ricordiamo che la qualifica OSS, rilasciata dalle ASL, è necessaria per lavorare in ambito assistenziale nelle strutture pubbliche. Dunque, a seguito del riordino delle qualifiche e dei titoli per l’accesso alle funzioni di assistenza sanitaria, dopo alcuni anni di contrattazione, gli istituti professionali della Toscana hanno ottenuto questo arricchimento formativo per i loro studenti.
Il corso Socio-Sanitario si presenta quindi come una scuola professionale che non lascia nulla di intentato, che chiede il giusto impegno e dà risultati decisamente confortanti per trovare lavoro nel breve tempo, per continuare a studiare in corsi di istruzione superiore tecnico-professionale post-diploma e anche per continuare con l’università.
Le iscrizioni degli ultimi tre anni non lo hanno premiato, perché sono state sempre di un numero giudicato insufficiente per la costituzione di una nuova classe prima, e così un corso di questa rilevanza e utilità sociale rischia di scomparire, impoverendo ancor di più le offerte didattiche della Lunigiana. A partire da quest’anno scolastico, poi, l’orario settimanale delle lezioni si distribuisce su cinque giorni, dal lunedì fino al venerdì: cinque mattinate con l’aggiunta dei due pomeriggi, lunedì e mercoledì.
Chi volesse iscrivere il proprio figlio al corso professionale Socio Sanitario dell’Istituto Pacinotti a Fivizzano troverà – concludono dalla scuola – nella schermata internet approntata dal Ministero della Pubblica Istruzione, l’opzione ‘Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale’ (le iscrizioni on-line si possono effettuare nel periodo che va dal 7 al 31 gennaio 2019). Per chi volesse vedere la scuola e incontrare gli insegnanti ricordiamo anche l’ultimo appuntamento pomeridiano di ‘scuola aperta’, previsto per sabato 26 gennaio dalle 14:30 alle 17:30, in via Nazionale 48 a Fivizzano”.