Carrara: arrestato in preda ai fumi dell’alcol si scaglia contro i carabinieri

0
34

A Carrara la notte brava di un trentottenne originario dell’Albania è finita con un tentativo di furto su auto e altri sette veicoli in sosta danneggiati, più due carabinieri feriti, un danno anche all’auto di servizio e una multa per ubriachezza. L’uomo in un colpo solo ha collezionato una sfilza di reati, prima di finire in manette.
La vicenda risale alla tarda serata di venerdì scorso, quando alla centrale operativa dei carabinieri sono giunte le telefonate di alcuni residenti che segnalavano uno sconosciuto che stava spaccando le auto parcheggiate lungo viale XX Settembre, altezza via Petacchi.
Quando i carabinieri di Carrara sono arrivati sul posto, hanno sorpreso un uomo che stava rovistando dentro una Fiat Punto con il vetro del finestrino in frantumi e lo specchietto esterno a penzoloni. Appena i militari si sono avvicinati a lui, hanno subito capito che l’uomo si trovava sotto l’effetto dell’alcool e non ne ha voluto sapere di collaborare, anzi è andato su tutte le furie e ha cominciato a minacciarli di morte.
I carabinieri hanno cercato in tutti i modi di riportare l’uomo alla ragione ma non c’è stato nulla da fare, infatti sotto i fumi dell’alcool ha rifilato una testata al capo equipaggio e poi ha continuato a lungo a fare resistenza, sferrando pugni e gomitate a destra e a manca, ferendo ad una mano anche il secondo carabiniere.
A quel punto, vista la pericolosità del soggetto, i militari non hanno potuto fare a meno di ammanettarlo. Sembra che non sia stato nemmeno facile farlo salire sull’auto di servizio, perché l’uomo avrebbe continuato a scalciare all’impazzata. Addirittura durante il tragitto verso la caserma, con un calcio ben assestato ha spezzato la maniglia dello sportello dell’auto di servizio.
Quando si è calmato, è stato possibile identificarlo e poi acquisire altre notizie su di lui. L’arrestato è risultato essere un uomo di 38 anni di origine albanese residente in Liguria, con un presunto domicilio a Carrara, in zona Bonascola. Inoltre tra i suo dati sono emersi precedenti penali a suo carico.
Nel frattempo, i carabinieri sono tornati sul posto dell’intervento ed hanno proceduto alla conta dei danni. E’ risultato che l’uomo avesse danneggiato la carrozzeria e spezzato gli specchietti di otto autovetture che i residenti della zona avevano parcheggiato in strada qualche ora prima, compresa l’auto dove si era introdotto per rubare. La maggior parte di loro sono stati svegliati nel cuore della notte dai militari che li hanno poi invitati in caserma per sporgere denuncia, compreso il proprietario della Fiat Punto dove l’albanese è stato colto sul fatto dai carabinieri.
I due militari feriti sono stati poi curati presso il Pronto Soccorso di Massa. Hanno riportato entrambi delle contusioni per i colpi ricevuti. Al carabiniere che ha ricevuto la testata è stato anche diagnosticato un trauma cranico, comunque entrambi se la sono cavata con pochi giorni di prognosi.
Il trentottenne è stato quindi arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, tentato furto aggravato, danneggiamento continuato di autovetture e danneggiamento di mezzo militare, oltre alla sanzione per ubriachezza. Sabato pomeriggio, dopo la convalida dell’arresto davanti al giudice Giovanni Maddaleni del Tribunale di Massa, il processo è stato rinviato per richiesta dei termini a difesa, ma per l’uomo si sono aperte le porte del carcere.