Mastrini: incentivare la raccolta porta a porta insieme con l’Unione dei Comuni

0
29
mastrini ospedali lunigiana

“Il porta a porta ha raggiunto livelli importanti in Lunigiana, spingendo la maggior parte dei comuni alle soglie dell’80% della differenziata. Dati confortanti, che hanno consentito di centrare obiettivi ragguardevoli in tema di raccolta differenziata”. Lo afferma il sindaco di Tresana Matteo Mastrini, che prosegue: “Dobbiamo ringraziare gli utenti che hanno consentito il raggiungimento di percentuali impensabili fino a qualche anno fa. Nel mio comune la raccolta differenziata si attestava introno al 29% ed ora siamo vicini all’80%”.
Nell’analisi costi e benefici a mancare è però un sistema di incentivi che premi i cittadini virtuosi: “Su questo tema è in corso un dibattito positivo grazie alla disponibilità di Annibale Piccoli dell’Unione dei Comuni. Il responsabile dell’area ambientale si è messo a disposizione per lavorare alle soluzioni”.
A fungere da esempio il modello Parma: “Se abbiamo sposato il porta a porta non possiamo dimenticare che, parte del percorso, prevede il raggiungimento della tariffa puntuale. In poche parole chi più differenzia, più deve risparmiare. Così almeno si era detto nella fase informativa, salvo poi lasciare tutto come era in precedenza tranne ovviamente il modello di raccolta”.
Una riflessione che dovrebbe riportare al centro l’utente secondo Mastrini: “L’utente è, in questo caso, anche contribuente. Partecipa al raggiungimento dei risultati differenziando ed aiutando l’Unione dei Comuni a raggiungere un risultato ambientale ed economico. Penso che debba essere beneficiato di un premio nel caso in cui contribuisca al risultato”.
In alternativa sul tavolo anche la possibilità di installare macchine eco compattatrici: “Avrebbero il pregio di garantire le premialità di cui dicevamo in precedenza. Conferire bottiglie di plastica e lattine potrebbe essere utile e soprattutto dare agli utenti, in cambio di quanto raccolto, bonus da spendere presso le attività locali”.
Sulla fattibilità dell’iniziativa spiega: “Non è la politica a dover dire come poter attivare questi percorsi. La politica deve fornire gli input, poi sono i tecnici a dover cucire i servizi sulle esigenze dei cittadini. A mio avviso si può fare perchè altrove  il percorso della tariffa puntuale è collaudato”.
L’iniziativa sarà sottoposta al presidente dell’Unione dei Comuni Roberto Valettini: “Il presidente è sempre stato disponibile all’ascolto e sono certo che lo sarà anche in questo caso”.
In tal senso il consiglio regionale ha approvato una mozione presentata dalla Lega afferma il sindaco di Teresana: “Gli eco compattatori per la raccolta di bottiglie di plastica, che possono essere installati su tutto il territorio, non solo permettono la riduzione di circa venti volte del volume del rifiuto, ma anche la consegna diretta alle aziende di riciclaggio; oltre a limitare l’impatto ambientale garantiscono anche un risparmio economico”.  La mozione impegna la giunta “ad attivarsi, presso i Comuni e gli Ambiti territoriali ottimali, per incentivare l’installazione e l’utilizzo di eco compattatori sui propri territori”. Nel corso del dibattito anche M5S, PD e Sì Toscana hanno annunciato il voto favorevole, parlando di iniziativa “condivisibile, razionale e intelligente”.