Marina di Carrara: colpo notturno in un pub, preso il ladro

0
560
collage colpo carrara

Ad arrestarlo sono stati i Carabinieri del Radiomobile di Carrara, avvisati da una guardia giurata che venerdì mattina, poco prima delle 5, era intervenuta presso un noto pub-ristorante di Marina di Carrara dove si era attivato l’allarme anti-intrusione.

Il malvivente, dopo aver mandato in frantumi una finestra con una chiave inglese, si era introdotto nel locale che si trova lungo Viale Cristoforo Colombo a Marina di Carrara e poi si era impossessato del registratore di cassa e di un portadocumenti. Inoltre, aveva pensato bene di fare una “capatina” anche in cucina, dove aveva rubato dal frigorifero una confezione di parmigiano.

Disturbato dall’arrivo della guardia giurata, il ladro era poi uscito dal locale e si era nascosto in prossimità di un gazebo utilizzato come ripostiglio, tenendo con sè il registratore di cassa ed il formaggio, ma a quel punto per lui non c’è stato più nulla da fare perché di lì a poco è sopraggiunta una “gazzella” del Nucleo Radiomobile di Carrara per dare manforte al vigilante.

L’uomo è stato quindi “pizzicato” con l’intera refurtiva e con indosso una chiave inglese, un paio di guanti in lattice ed una torcia, i c.d. “arnesi del mestiere” che fanno ormai parte del corredo di chi è dedito ai reati predatori. Sul posto è intervenuta anche la proprietaria del locale che dopo aver constatato l’entità dei danni, ha presentato una denuncia presso la Caserma dei Carabinieri di Carrara.

Quando i militari dell’Arma hanno inserito al terminale il nominativo del 58enne, si sono ritrovati davanti agli occhi pagine e pagine di precedenti penali, nello specifico decine di condanne, di arresti e denunce ma anche lunghi periodi di detenzione in carcere che l’uomo aveva “collezionato” ininterrottamente dagli anni ’80 fino ai giorni nostri. Nel suo variegato “curriculum” è presente anche una lunghissima sfilza di divieti di ritorno per ragioni di sicurezza da molte località del Centro e del Nord-Italia, dove ha messo a segno molti “colpi”, soprattutto di notte, ai danni di bar e ristoranti, compreso un furto di generi alimentari commesso la scorsa estate presso uno stabilimento balneare riservato agli appartenenti delle Forze dell’Ordine, situato lungo il litorale adriatico.

L’uomo, che è anche disoccupato e senza fissa dimora, è stato quindi arrestato con l’accusa di “tentato furto aggravato” e “porto illegale di arnesi da scasso”, mentre la refurtiva è stata restituita al proprietario del Ristorante. Della vicenda è stato subito reso edotto il Pubblico Ministero Roberta MORAMARCO, che ha avallato l’attività dei Carabinieri e ha disposto di trattenere il 58enne in camera di sicurezza.

Questa mattina, in Tribunale a Massa, il giudice Giovanni MADDALENI che ha convalidato l’arresto, ha concesso i termini a difesa, rinviando il processo a metà Febbraio. Inoltre, condividendo le richieste del Pubblico Ministero, ha ordinato ai Carabinieri di accompagnare il 58enne in carcere.-

L’arresto di venerdì è il risultato della particolare campagna di prevenzione avviata negli ultimi tempi dai Carabinieri della Compagnia di Carrara per contrastare i reati predatori, comprese le scorribande di malintenzionati che, a fronte di bottini esigui, spesso causano parecchi danni ai negozianti presi di mira. Prendendo spunto proprio dall’indagine appena conclusa, i militari dell’Arma ricordano che per rendere la vita difficile ai ladri è fondamentale il contributo dei cittadini, che consiste nel segnalare tempestivamente al 112 rumori o presenze sospette nei paraggi di abitazioni e attività commerciali. Il livello di attenzione dei Carabinieri della locale Compagnia resterà alto anche nelle prossime settimane, attraverso i controlli delle pattuglie in divisa e di personale in borghese, così da monitorare il più possibile il territorio di Carrara e intervenire nel minor tempo possibile quando necessario.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.