Addio a Pierluigi Belli, Licciana Nardi piange il suo sindaco

0
460
Belli Licciana

Era stato eletto poco più di un anno fa, Pierluigi Belli, alla guida di un comune – Licciana Nardi – le cui sorti erano del tutto incerte dopo una intensa campagna elettorale.
L’aveva spuntata, assieme alla sua squadra amministrativa, ed aveva iniziato a svolgere il suo compito con diligenza e bontà d’animo. Un male se l’è portato via in poche settimane, lasciando tutti in silenzio, atterriti e distrutti.

La notizia è arrivata nella giornata di ieri, quando Belli ha smesso di combattere all’ospedale di Fivizzano ed è stato subito circondato dall’affetto dei sui cari e dalla Giunta con la quale era alla guida del comune lunigianese.

Subito i messaggi di cordoglio sono arrivati da parte di tutte le istituzioni ed hanno pervaso senza sosta i canali social.
“Ci mancherà la tua verve, il modo educato e rispettoso di affrontare ogni discussione per trovare soluzioni se possibile condivise” ha scritto il sindaco di Mulazzo Claudio Novoa. L’Amministrazione di Fivizzano lo ricorda “con stima e affetto e rende noto a tutta la comunità il desiderio dei famigliari: non fiori ma una raccolta fondi destinata all’Ospedale di Fivizzano e al Comune di Licciana”. Anche il consigliere regionale Giacomo Bugliani ha voluto esprimere il proprio pensiero ricordando “mitezza, equilibrio e dedizione verso la sua comunità” del sindaco Belli.
Il comune di Aulla lo piange come “un uomo di grandi doti morali e di rara gentilezza”.

Al momento, fino alle prossime elezioni, che probabilmente si terranno in primavera, a sostenere l’eredità di Belli sarà la vicesindaco Michela Carlotti.

Per le giornata di oggi fino al 2 dicembre è stato proclamato il lutto cittadino.
Sarà allestita una camera ardente dalle ore 13 di oggi presso la sala consiliare del municipio di Licciana Nardi.
I funerali di Pierluigi Belli si terranno domani mattina alle ore 11 presso la chiesa parrocchiale di Licciana Nardi.

Ci stringiamo nel ricordo di un primo cittadino che ha voluto dare tutto al suo Comune, fino all’ultimo, e che sin dai primi giorni dopo la sua elezione ha regalato ai propri cittadini gentilezza e disponibilità, ma soprattutto umanità. In particolare rivolgiamo un pensiero alla figlia Fausta, una nostra amica che ha da sempre ci sostiene e crede in noi e in questo progetto editoriale.