Scuole di Aulla, arrivano le nuove tende ma impediscono di aprire le finestre

0
546
collage scuola groppino

Arrivano le nuove tende nelle scuole di Aulla (nido, materne ed elementari) che questa volta riescono a riparare dal sole ma non permettono di aprire del tutto le finestre e offrire così un salubre ricambio d’aria all’interno delle aule.

Il problema è stato segnalato dalla lista di opposizione in consiglio comunale di Aulla Idee in Comune che segnala anche la quantità di euro spesi per tale “ammodernamento”, circa 43mila euro tirati fuori dal Comune e da altri enti come la regione e fondazione Cassa Risparmio di Carrara.

“Appena entrati, insegnanti ed alunni, erano ben felici di poter svolgere il loro lavoro senza necessariamente, come da sempre, difendersi dalla luce solare con pannelli volanti o con tende di cartoncino colorato, ovviamente non ignifughi, ma pur sempre funzionali a non surriscaldare le teste dei bambini”, scrive in una nota stampa Maria Grazia Lombardi. Ma la beffa è dietro l’angolo perché “ora i bambini delle scuole possono sì ripararsi dal sole, ma devono rinunciare a cambiare aria ai locali, perché così come sono state installate le tende, non è più possibile aprire le finestre”.

A questo punto arrivano le domande direttamente a Silvia Amorfini, consigliere con delega alla Scuola: “Di chi è stata la scelta del tipo di tenda da installare nelle nostre scuole?
Chi ha seguito la gara insieme alla delegata alla scuola?
Chi ha preso le misure e fatto il sopralluogo?
Chi ha verificato se la soluzione tecnica proposta dalla ditta appaltatrice sarebbe stata così “migliorativa” come scritto nella determina dirigenziale N°1253, tanto da vincere l’appalto?
Quale amministratore era presente durante la messa in opera per controllare la qualità e la funzionalità del lavoro, per il quale sono stati investiti molti soldi?
E se presente, come non ha potuto accorgersi del danno?
E se assente, come si può far eseguire un lavoro senza un controllo, visto che la scuola è un bene pubblico?
Qual è ora l’alternativa?”.