Frana Malacosta, Idee in Comune contro l’Amministrazione chiede le dimissioni di Giovannoni

0
261
collage idee comune malacosta

“Come tutti i Cittadini abbiamo appreso dalla stampa la fissazione dell’udienza preliminare per il 22 novembre 2018 relativa agli interventi sulla frana di Malacosta effettuati dopo il 2010. La Procura della Repubblica di Massa ha preso provvedimenti, almeno sembrerebbe, perché i lavori risulterebbero in gran parte non eseguiti secondo progetto e perché la modalità della “somma urgenza” parrebbe alquanto anomala”, a scriverlo sono, in una nota stampa, i consiglieri aullesi di Idee In Comune.

“Dalle informazioni evinte dalla stampa in prima battuta veniva specificata la totale estraneità dell’attuale giunta Valettini, ma dal momento della pubblicazione dei nomi degli indagati, ahinoi, è emerso che l’attuale Amministrazione è coinvolta nella figura di un Assessore. Dal Palazzo tutto tace, il Sindaco è partito per la Cina, ma, seppur sia molto loquace con i giornali per ogni evento di ordinaria manutenzione, nulla ha dichiarato a riguardo, neppure nella riunione dei Capigruppo svolta in previsione del prossimo consiglio comunale, che si terrà il 1 ottobre”.

“Urga chiarezza riguardo a questa inchiesta – evidenziano da Idee in Comune -, non tanto per le persone coinvolte, che comunque riteniamo dovrebbero fare autonomamente un gesto di coraggio e opportunità politica rimettendo le proprie deleghe per liberare l’attuale Amministrazione da ogni dubbio, ma soprattutto perché la vecchia Giunta Simoncini, riguardo la dichiarata somma urgenza per la franca di Malacosta, aveva attinto 357.200,00 Euro da specifici fondi regionali, somma che oggi sembrerebbe essere stata revocata, tra le altre cose, per la non correttezza nelle comunicazioni tra gli enti durante anche questa ultima Amministrazione”.

“Parliamo di compensi elargiti a privati dalla Regione, soldi, quindi, tirati fuori dai contribuenti, e certificati dal Comune, che ora, qualora dovesse risultare veritiera la revoca, graveranno unicamente sul bilancio del Comune e di tutti i suoi cittadini. Abbiamo protocollato una specifica interpellanza perché vi sia comprensione e , soprattutto, una nitida presa di posizione politica da parte dell’attuale Amministrazione”.

“Tale risposta non dovrà essere, come al solito posticipata, ma inserita nel prossimo consiglio comunale del 1 ottobre, così che si possa chiedere al Sindaco, non tanto di relazionare riguardo alle meraviglie dell’oriente, ma le verità del nostro Comune che vengono nascoste sempre e volutamente. Vedremo se il Sindaco, specializzato in citazioni, vorrà far sua parte del proverbio al ritorno dalla sua esperienza Orientale. Di certo – concludono da Idee In Comune -, per l’ennesima volta, questa Amministrazione evita di dare comunicazioni importanti ai cittadini Aullesi … i procedimenti penali e gli ammanchi di cassa non sono eventi “culturali” di cui vantarsi”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.