Licciana, l’Amministrazione Belli termina diversi lavori nelle scuole del Comune

0
96
collage licciana

ll nuovo anno scolastico apre le scuole del Comune di Licciana Nardi con importanti novità.

Sono terminati  i lavori di sistemazione delle tre aule e del corridoio del plesso scolastico che accoglie le scuole medie di Licciana Nardi.

A causa del distacco di porzioni di intonaco dal soffitto, avvenuto oltre sei anni fa, le aule erano state dichiarate inagibili dalla precedente amministrazione. Gli alunni, pertanto, erano stati trasferiti negli spazi al piano terra del plesso.

Con grande soddisfazione del Sindaco Pierluigi Belli, all’inizio di questo nuovo anno scolastico, le aule sono state restituite alla scolaresca proprio all’avvio di questo nuovo anno scolastico, dopo un intervento complesso in termini di ripristino e messa in sicurezza.

I lavori nelle scuole medie hanno incluso anche interventi di controsoffittatura antisfondamento nelle aule del primo piano e la sostituzione degli infissi del plesso che in gran parte risultavano assolutamente  degradati.

Sempre a Licciana, nell’edificio scolastico che accoglie le scuole elementari e materna, sono stati conclusi i lavori di rifacimento e sistemazione del tetto.

A causa delle forti raffiche di vento che lo avevano divelto nel 2015, causando il distacco della copertura di carta catramata e del rivestimento isolante, molte erano state le criticità legate alle perduranti infiltrazioni di acqua piovana nelle aule della scuola. Il problema è stato risolto, in tempi rapidissimi, come spiega l’Assessore ai lavori pubblici Renzo Martelloni: “E’ stato fatto un intervento massiccio che si è spinto oltre la sostituzione della porzione danneggiata del tetto, fino a coinvolgere tutta la copertura dell’edificio. La coibentazione con materiale isolante servirà inoltre a garantire un minor dispendio energetico”.

Anche le scuole di Terrarossa hanno inaugurato il nuovo anno scolastico all’insegna di importanti novità: è stato infatti installato il nuovo ascensore che risolve l’annoso problema dell’abbattimento delle barriere architettoniche e consente il regolare accesso degli alunni con disabilità al primo piano dell’edificio.