Le Facce del Fiume. Clemente Castelli e le sue sculture, Angelica Polverini e Oreste Verrini presentano il libro a Bagnone

0
636
collage bagnone

Il Comune di Bagnone, con il suo Museo Archivio della Memoria e la Fondazione Alessandro Malaspina di Mulazzo, invitano alla presentazione del volume di Angelica Polverini e Oreste Verrini Le Facce del Fiume. Clemente Castelli e le sue sculture, edito da Tarka.
L’incontro, che vedrà l’intervento di Rossana Piccioli, presidente della Fondazione Malaspina e la partecipazione dei due Autori, si terrà sabato 22 settembre alle ore 17nella Sala Polifunzionale del Museo Archivio della Memoria, Palazzo del Consiglio, in piazza Roma a Bagnone.

Il libro racconta e presenta una storia appassionante, quella di un uomo – Clemente Castelli – profondamente legato alla sua terra, la Garfagnana, e al suo borgo natale Nicciano, che ormai quasi disabitato come altri borghi del nostro Appennino, si ripopola di singolari presenze di pietra. Le sculture di Clemente prendono vita dal fiume e nel fiume, magico corso d’acqua nel cui greto l’artista individua le pietre più adatte, quelle che gli suggeriscono figure, volti di donna, animali fantastici, guerrieri, creature immaginarie, piccolo universo popolare sostenuto da aneddoti e ricordi dell’autore. Lefacce del fiume sono quindi i volti e le figure che si rivelano agli occhi di Clemente quando sono ancora nella loro materia grezza e che prendono vita, arrivando allo stato compiuto, attraverso il suo tenace e sapiente lavoro sulla pietra arenaria.

L’evento – patrocinato dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Massa-Carrara, dall’Associazione Manfredo Giuliani di Villafranca L. e dall’Associazione “Donne di Luna” di Bagnone – valorizza l’identità e la tradizione popolare del territorio ed è quindi in sintonia con i valori sostenuti dalle aree di Riserva Mab Unesco dell’Appennino tosco- emiliano, di cui il Comune di Bagnone fa parte.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.