Venezia 75, alcuni dei film più interessanti del festival

Le pellicole di prossima uscita

0
105
Venezia

Si sta svolgendo in questi giorni – dal 29 agosto all’8 settembre – al Lido di Venezia la 75esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica.
Il festival di cinema più anziano – si, più del tanto decantato Cannes – presenta quest’anno una selezione di film davvero interessante e varia, dai fratelli Coen, che con irriverente ironia tributano il western nel loro La ballata di Buster Scruggs, a Zan, excursus nel mondo dei ronin del “Cronenberg giapponese” Shin’ya Tsukamoto (Tetsuo, Tokyo Fist, A Snake of June).
Ma andiamo a conoscere nei dettagli alcuni dei film, proiettati in questi giorni, che saranno protagonisti della stagione cinematografica ventura.

Il primo uomo

Pellicola biopic sull’astronauta Neil Armstrong, basata sulla biografia ufficiale Fist Man : The Life of Neil A. Armstrong, è probabilmente il film più hollywoodiano – in senso classico – in competizione per il Leone d’oro.
Damien Chazelle torna a collaborare con l’attore Ryan Gosling, già protagonista del suo La La Land, nella sua prima prova “non musicale”.
Nel cast anche Claire Foy – l’Elisabetta II della costosa serie The Crown – nel ruolo di Janet Armstrong, un’interpretazione già ritenuta da parte della stampa come frontrunner per l’Oscar.
Sarà una conferma per il regista di Whiplash o il suo primo passo falso?
Non ci resta che attendere il film, nelle nostre sale a partire dal 31 ottobre.

The Other Side of the Wind

Già solo il fatto che questo sia un film di Orson Welles, girato tra il 1970 e il 1976 e lasciato incompiuto per vari problemi finanziari, dovrebbe suscitare l’attenzione di tutti gli amanti del Cinema con la “C” maiuscola.
Aggiungiamo anche che il grande regista, in questo ultimo lavoro, ha diretto due altri grandi colleghi come John Huston e Peter Bogdanovich – è stato Bogdanovich, grazie all’interessamento di Netflix, a portare a termine il montaggio dell’opera -.
Il film, presentato fuori concorso a Venezia, narra in stile mockumentary l’ultima notte, prima della morte in un incidente stradale, del regista fittizio Jake Hannaford (John Huston), un cineasta della vecchia guardia che si ritrova in una Hollywood completamente cambiata.
L’ultima opera del regista di Quarto potere sarà prossimamente disponibile su Netflix.

La favorita

Terza produzione internazionale per il regista greco Yorgos Lanthimos – già vincitore per la miglior sceneggiatura a Venezia 68 con Alps – che si distanzia dai suoi soliti topoi.
L’autore, infatti, si confronta per la prima volta con un classico dramma in costume di ambientazione settecentesca, senza il supporto del fidato sceneggiatore Efthymis Filippou.
Un cast di protagoniste femminili capitanato da Olivia Colman (nota soprattutto per ruoli televisivi come The Night Manager e Broadchurch) nei panni della regina Anna di Gran Bretagna.
Emma Stone e Rachel Weisz – rispettivamente Abigail Masham e Sarah Churchill – si litigano le attenzioni della regina per diventarne – appunto – “la favorita”.
In Italia dovremo aspettare il 14 gennaio dell’anno prossimo per godercelo in sala.

Sulla mia pelle

Alessio Cremonini dirige un’altra pellicola Netflix in concorso nella sezione Orizzonti, basata sul tristemente noto caso di Stefano Cucchi.
L’ultima tragica settimana di vita del ragazzo romano, tra carcere e ospedale, è raccontata senza fare del protagonista un martire, ma un personaggio pieno di contraddizioni e sensi di colpa.
Ottima l’interpretazione di Alessandro Borghi (Non essere cattivo, Suburra, Napoli velata), uno dei migliori attori italiani in circolazione, che per l’occasione ha perso 18 chili.
Il film verrà distribuito in contemporanea nella sale da parte di Lucky Red e in streaming da Netflix, l’uscita è prevista il 12 settembre.

Suspiria

Altro film in gara a Venezia 75 è il particolare, e personale, remake di Luca Guadagnino del cult horror Suspiria.
La proiezione dell’atteso rifacimento, avvenuta sabato 1 settembre, ha già diviso la stampa di tutto il mondo.
Guadagnino si è molto allontanato dalla fiaba nera di Dario Argento, le sue streghe sono ben radicate nel loro presente, la Berlino del ’77 (periodo del terrorismo di estrema sinistra della RAF).
Il cast internazionale comprende nomi come Dakota Johnson (Cinquanta sfumature di grigio, Black Mass – L’ultimo gangster, A Bigger Splash) e Tilda Swinton (Moonrise Kingdom, Ave, Cesare!, Okja), un nuovo ruolo anche per Jessica Harper, la protagonista dell’originale.
Per adesso è nota solo la data di uscita statunitense, il 26 ottobre.