L’Arma e le sue donne: Marina Pratici ospite d’onore al concorso nazionale

0
143

“E un grande onore per me essere invitata come ospite d’onore al concorso ‘L’Arma e le sue donne’, un invito che accolgo con il cuore colmo di gratitudine e commozione, poiché mio nonno paterno Pietro, che fu maresciallo dei carabinieri, morì in servizio quando mio padre Dino aveva soltanto sette anni.
Quindi, ringrazio di cuore per questa opportunità, quella di partecipare a un concorso in cui vengono tenuti alti i valori dell’Arma dei Carabinieri, valori fondativi del vivere civile in ogni comunità che voglia dirsi libera e coesa”.
E’ con queste parole che la poetessa e delegata alla cultura del comune di Aulla, Marina Pratici, accoglie l’invito di Daniela Moreschini, nota scrittrice romana e presidente dell’associazione culturale “Il faro” di Roma, e di Filippo Armando Ilardi, presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Chivasso di Torino, a essere presente come ospite giovedì 12 luglio alla presentazione del libro di Daniela Moreschini, “Piacere, mi presento”, e venerdì 13 luglio alla premiazione del concorso “L’Arma e le sue donne”, con entrambi gli eventi in programma a Chivasso.
Tra l’altro, si tratta di un concorso familiare a Marina Pratici, la quale, nel 2011, vinse il primo premio a Roma con una poesia intitolata “L’atteso”, dedicata al nonno paterno Pietro.
“E un ringraziamento speciale – conclude Marina Pratici – lo voglio rivolgere a due donne altrettanto speciali, Daniela Moreschini e la sua collaboratrice Simonetta Papini, due persone fantastiche con le quali spero di continuare ad avere un rapporto culturale fecondo in futuro”.

Leggi anche:

Un quadro per dire no alla violenza sulle donne