Bagnone: itinerari danteschi nelle rime di Michelangelo

Sabato 23 giugno un connubio di grandi in un percorso culturale imperdibile

0
673

Il Centro Lunigianese di Studi Danteschi (CLSD) organizza, nel quadro delle attività del Comitato Ufficiale per le Celebrazioni Lunigianesi del VII Centenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021) – Comitato “Lunigiana Dantesca 2021” – la presentazione della nuova edizione critica e commentata delle Rime e delle Lettere di Michelangelo Buonarroti, per la curatela del professor Giorgio Masi (UniPisa), membro del Comitato medesimo.

L’incontro si svilupperà in modo molto dinamico, con la dottoressa Serena Pagani (UniPisa, CLSD) che intervisterà sul tema specifico il professor Masi. Introdurranno con i loro auspici il Delegato alla Cultura del Comune di Bagnone, avvocato Matteo Marginesi, e il presidente del Centro Lunigianese di Studi Danteschi, il dantista Mirco Manuguerra.

Teatro dell’evento sarà l’Archivio della Memoria di Bagnone e l’appuntamento è per sabato 23 giugno alle ore 17.

Il tema è di grande importanza per la Lunigiana Dantesca. Dall’opera di Giorgio Masi è uscita una nuova immagine di Michelangelo, il cui pensiero si rivela costantemente rivolto all’enormità di Dante ma in modo problematico e forse anche sofferto, a differenza di quanto dimostrato invece da Raffaello Sanzio nella Stanza della Segnatura.

Se, dunque, Raffaello è già molto presente nell’esegesi sviluppata dal Centro Lunigianese di Studi Danteschi per la conferma nei suoi affreschi di una potente dimensione neoplatonica del genio dell’Alighieri, Michelangelo è figura di notevole rilievo per essere stato anch’egli un testimone del Sommo Poeta e, proprio come lui, un assiduo frequentatore della Lunigiana. Come noto, infatti, il Buonarroti veniva a scegliersi personalmente i blocchi di marmo a Carrara per i suoi eterni capolavori.

Patrocinio della Società Dantesca Italiana. Ingresso libero.

BAGNONE23062018

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.