Appennino Bike Tour in un libro: ieri la presentazione a Roma

0
89

Presentato ieri in mattinata al Ministero dell’Ambiente il libro che racconta la
prima edizione di Appennino Bike Tour (http://appenninobiketour.com/), staffetta cicloturistica istituzionale che si è svolta tra 15 luglio e il 25 agosto 2017 nella Dorsale appenninica. 42 tappe, dalla Liguria alla Sicilia, attraverso 14 regioni, 23 province, 296 comuni e 25 Parchi Nazionali e Regionali. Tra questi anche il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano che ha contribuito all’iniziativa ospitando due tappe del percorso.

L’iniziativa, nata da un’intesa tra Ministero dell’Ambiente, Vivi Appennino e Confcommercio Ascom, è stata ideata essenzialmente per valorizzare la montagna locale, coinvolgendo l’intera Dorsale appenninica, unica realtà territoriale che percorre tutta l’Italia. L’obiettivo è stato quello di parlare di ambiente e territorio affrontando opportunità, problemi e criticità da un punto di vista innovativo.

Come ha sottolineato il Ministro Galletti: “Per la prima volta è stata percorsa l’intera Penisola unendo i rappresentanti di Istituzioni di tutto il Paese e sensibilizzando cittadini e comunità sull’importanza di valorizzare i territori appenninici. L’iniziativa è stata anche l’occasione per siglare il Patto di Amicizia per lo Sviluppo Sostenibile dell’Appennino, un passo determinante per il futuro di queste zone,  basato su un modello di sviluppo che punti sul turismo sostenibile.”

“Grazie ad Appennino Bike Tour – spiega Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale, intervenuto a Roma alla presentazione del volume – abbiamo avuto l’opportunità di valorizzare luoghi incontaminati del nostro Appennino, di straordinario valore ambientale e naturalistico. L’iniziativa, è infatti una valida azione di promozione nazionale che fa da cornice alle nostre iniziative sul territorio, meta ideale del turismo lento e dell’escursionismo in bici ed E-Bike, in tutte le stagioni. Sono ormai tante, difatti, le realtà che nella Riserva della Biosfera UNESCO dell’Appennino tosco-emiliano offrono servizi di noleggio e assistenza, tra queste Bosco di Corniglio, Cerreto Lagh,i Vallisnera, Cervarezza, Ligonchio, Civago, Val Dolo, Comano, Filattiera Corfino, Castelnovo ne’ Monti.”