Unione dei Comuni: approvato un nuovo sistema per garantire la sicurezza dei cittadini

0
126
allerta emergenza sicurezza alluvione

L’Unione dei comuni ha presentato ieri un sistema di allerta che riguarda le criticità legate a qualsiasi tipo di problema che può insorgere all’interno del territorio. Non solo per quanto riguarda alluvioni e incendi ma anche per dare qualsiasi tipo di informazioni ai cittadini.
“Si tratta di un’iniziativa che è già partita in alcuni comuni come Aulla o Bagnone – evidenzia Riccardo Varese, vice presidente dell’Unione e sindaco di Podenzana -, ma oggi la estendiamo a tutti i comuni dell’Unione, coprendo praticamente quasi tutta la Lunigiana.
Crediamo che sia un’importante iniziativa voluta a dimostrazione del fatto che quando i sindaci si mettono d’accordo, questo ente locale funziona anche perché la sicurezza dei cittadini è una prerogativa, quindi avere la possibilità di comunicare in modo diretto e tempestivo ci è sembrata un’iniziativa molto importante su cui investiremo anche delle risorse economiche.
Abbiamo dei territori che hanno subito gravi danni da alluvioni e non solo, la gente spesso ha paura e noi dobbiamo essere vicini, garantire la loro sicurezza e tranquillità”.

“Tutti i cittadini dei comuni aderenti riceveranno da parte del sindaco una telefonata che annuncerà l’avvio di questo importante sistema – prosegue l’assessore e sindaco di Filattiera Annalisa Folloni -. Sono contenta di poter dire che questo è il bel risultato di un territorio che non ha divisione. Oggi siamo qui riuniti per partire insieme e sperimentare questo sistema di allerta.
Inizieremo con l’informare tutti i telefoni fissi, ma anche chi avrà un cellulare potrà registrarsi sul sito del proprio comune e ricevere gli avvisi”.

Praticamente tutti i sindaci che riterranno opportuno informare i propri cittadini di una particolare emergenza o situazione registreranno un messaggio vocale che verrà direttamente recapitato ai propri cittadini. Sarà possibile, a seconda dei casi, informare solo le zone di ogni comune interessate da un particolare evento (es. zone minacciate da frane o incendi, strade ghiacciate) o una particolare cerchia di famiglie che hanno magari i figli che frequentano le scuole elementari, medie o superiori o anche solamente dare l’avviso della chiusura delle scuole o della data di un importante consiglio comunale.

“Quando c’è un interesse comune anche le barriere politiche vengono eliminate – interviene il sindaco di Licciana Nardi, Pierluigi Belli -. In casi come questo viene evidenziata l’importanza dell’Unione dei Comuni”.

Le tempistiche: a breve i sindaci invieranno una telefonata, con il numero visibile, ai propri cittadini per informarli dell’inizio di questo nuovo sistema di allerta. Verranno registrati i cittadini che risponderanno alla telefonata e anche quelli che per un motivo o per l’altro non sono riusciti ad ascoltare il messaggio. Non sarà più necessario, come è già successo in diversi casi, andare in giro con il megafono per avvertire la popolazione, sarà sufficiente una telefonata, un modo semplice ed efficace per comunicare con tutti.