Lorenzetti risponde a Mastrini: “Nessun penalizzato, siamo tutti uguali”

0
350
Gianni Lorenzetti presidente provincia

“Una cosa è certa. Il sindaco Matteo Mastrini conosce a dovere l’arte della demagogia e sa titillare bene quelle corde quando accusa la Provincia e me di non intervenire sulle strade provinciali del suo comune per ‘faziosità’: respingere quella accusa è fin troppo ovvio”: comincia così la risposta del presidente della Provincia Gianni Lorenzetti all’intervento del sindaco di Tresana comparso oggi.

“Non è così – prosegue – anch’io sono sindaco come lui e posso dire che siamo tutti uguali e sullo stesso livello. Il sindaco di Tresana continua, poi, a vivere la Provincia in posizione di terzietà, ignorando ancora che lui stesso fa parte di uno dei tre organi che governano la Provincia, l’assemblea dei sindaci, e quindi quando parla di Provincia parla di una istituzione di cui anche lui, obtorto collo, fa parte. Come lui sono sindaco e devo affrontare i problemi del mio comune, in più anche quelli della Provincia (come sa anche lui a titolo gratuito). Poiché trovo il tempo per essere presente in Provincia, al Palazzo Ducale, praticamente tutte le mattine dal lunedì al venerdì, e cerco di onorare anche impegni pomeridiani, al netto di quella che è, sia per me che per lui, la sfera privata, riterrei più utile per lui anziché stilare comunicati stampa inutili in cerca di consenso, trovare il modo di spendere più utilmente quel tempo per venire a Palazzo Ducale per discutere dei problemi con me e con gli uffici, consapevoli del fatto che anche Mastrini è a conoscenza della situazione delle province – o forse occorre pensare che ignorarla gli fa comodo?”

“Per quanto riguarda la pulizia e gli sfalci lungo le strade provinciale – conclude – abbiamo iniziato le operazioni, come spiegato ampiamente, tenendo sempre conto che parliamo di quasi 700 km di viabilità, compatibilmente con le risorse disponibili”.

 

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.