Designato il Comitato Scientifico della Mediateca Regionale Ligure alla Spezia

Con procedura di appello pubblico, il Sindaco della Spezia Massimo Federici, ha deisgnato quattro membri del Comitato scientifico della Mediateca

0
657

Il Sindaco della Spezia Massimo Federici, con procedura di appello pubblico, ha designato i quattro membri di competenza del Comune della Spezia per il Comitato Scientifico della Mediateca Regionale Ligure.

Sulle 38 domande prevenute, sono stati selezionati:
Roberto Mario Danese, professore associato, insegna letteratura e cinema presso l’Università di Urbino “Carlo Bo”;
Sara Fgaier, montatrice e regista, Premio Rolex come migliore montatrice internazionale, ha collaborato, fra gli altri, con Aleksandr Sokurov, Franco Maresco e Pietro Marcello. Insegna al centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.

Paolo Ranieri ha collaborato con il “Centro Studio Azzurro”, insegna all’Accademia di Belle Arti di Carrara Comunicazione multimediale e tecniche di montaggio ed è docente a contratto allo IED di Milano (istituto Europeo di Design) dove insegna Video design del Dipartimento Arti Visive, elementi di Produzione Video e Tecnica dei nuovi Media Integrati (Teoria e Tecnica del montaggio sincronizzato);
Simone Venturini, professore associato di Storia del Cinema preso l’Università degli studi di Udine.
Si tratta di personalità scientifiche di alto livello, tutte nate nel territorio spezzino.

Un membro sarà poi designato dalla Regione Liguria. Il Comitato scientifico, così completato, avrà il compito di affiancare il Comitato di Gestione della Mediateca, composto dagli assessori comunale e regionale alla cultura e dai rispettivi dirigenti di settore, nella definizione degli indirizzi di programmazione. E’ intenzione dell’Amministrazione Comunale affiancare a questi due organi un ulteriore Comitato Promotore che verrà successivamente configurato, attingendo alle energie locali.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.