Pontremoli: approvato il bilancio di previsione 2017/2019

0
183

Approvato a maggioranza, con il voto contrario dei consiglieri di opposizione il bilancio di previsione 2017/2019 del comune di Pontremoli, che stabilisce le spese messe in campo dall’amministrazione per far fronte ai costi necessari per la gestione della città. Intanto la quota per il pareggio di bilancio – cioè la cifra per cui uscite ed entrate si eguagliano – è stata stimata in 30.198.341 euro. Scende la percentuale di indebitamento dell’ente, che secondo l’amministrazione comunale è pari al 3,91% – mentre lo scorso anno raggiungeva il 4,54% – e rientra nel 10% imposto dal Tuel (Testo Unico degli Enti Locali).
Investimenti sono previsti per il progetto dell’ascensore per il Castello del Piagnaro – per cui il comune prevede un contributo di 115.783 euro dalla Regione Toscana e un investimento di 25.000 delle casse comunali – la costruzione di un nuovo impianto sportivo – finanziato dalla Regione con 23.550 euro – la costruzione del ponte di Cadugo – 400 mila euro di fondi regionali – e anche l’istallazione di un montascale per l’ex Tribunale – 17 mila euro dal comune e 50.502 euro di cofinanziamento regionale.
Le entrate previste – contando che Imu e Tasi sulla prima casa sono state abolite dalla legge di stabilità 2016 – verranno dalla tassazione sulle seconde case e sulle prime case di pregio. L’amministrazione prevede quindi di guadagnare 2.090.000 euro da Imu, 425 mila euro da Tasi e 710 mila euro da addizionale Irpef. Per quanto riguarda la Tari – tassa sui rifiuti – l’ingresso di 1.349.528 euro sarebbe sufficiente per pagare interamente il servizio. Ottocentodiciassettemila euro stimati dai guadagni derivanti l’alienazione dei beni comunali, mentre una cifra consistente verrebbe dagli incassi sulle multe per violazioni del codice della strada. Per la precisione l’amministrazione conta di incassare 586.300 euro vincolandone la metà a spese per la sicurezza, come previsto dalla legge.
Una cifra di 200 mila euro dovrebbe arrivare dal recupero dell’evasione fiscale. Le spese più importanti sostenute dal comune sono 2.839.000 euro per il personale, comunque in discesa rispetto allo scorso anno.
Non sono soddisfatti i consiglieri di opposizione – che hanno votato contro – secondo cui non ci sono nel bilancio di previsione abbastanza investimenti, soprattutto per quanto riguarda l’imprenditoria giovanile. Dai banchi della maggioranza è stato rilevato che è complicato poter ragionare su una programmazione di questo tipo, tenuto conto dei numerosi vincoli e tagli a cui gli enti locali sono sottoposti negli ultimi anni.