Le Giornate FAI di Primavera aprono le porte della Fortezza del Varignano. All’interno, una mostra di cimeli garibaldini e risorgimentali

In occasione delle venticinquesimo anniversario, 25 e 26 marzo, la straordinaria apertura delle Fortezza del Varignano che ospiterà una mostra garibaldina allestita dal Museo Civico Etnografico

0
590

In occasione delle Giornate FAI di Primavera, edizione giunta quest’anno al suo venticinquesimo anniversario, che si terranno oggi 25 e domani 26 marzo, la Delegazione della Spezia ha ottenuto l’apertura straordinaria della Fortezza del Varignano di proprietà della Marina Militare e sede del COMSUBIN. Il Museo Civico Etnografico “Giovanni Podenzana” della Spezia parteciperà all’evento allestendo una mostra di cimeli garibaldini e risorgimentali.

L’iniziativa, che vede la sinergia tra enti e istituzioni diversi che hanno in comune l’obiettivo di promuovere la cultura e i tesori storico-artistici locali, dà la possibilità al Museo di rendere visibile al pubblico un nucleo collezionistico di particolare pregio: il cosiddetto Museo Garibaldino, la cui creazione si deve a Giovanni Podenzana che, dal 1925, cominciò a raccoglierne il materiale.

I fatti che portarono al ferimento di Giuseppe Garibaldi sull’Aspromonte e al suo incarceramento nella fortezza graziota sono noti a molti, ma non tutti sanno che il Museo Etnografico possiede pezzi rari, in alcuni casi unici, relativi a questa triste vicenda. Parecchie sono state le donazioni di famiglie spezzine succedutesi negli anni del secolo scorso (Baleani, Formentini, Invernizzi, Lucarini, Mazzini, Piaggio, Podenzana, Poggi, Poli, Purro, Svanascini, Viale e Zannoni) fino alla più cospicua lasciata dalla vedova del patriota Attilio Pepi nel 1960.

Nel percorso espositivo, allestito all’interno dei locali della base militare, sarà possibile ammirare le famose giubbe rosse e parti delle uniformi e dell’equipaggiamento della Guardia Nazionale; due lettere autografe che Garibaldi scrisse alla Società di Mutuo Soccorso della Spezia, rispettivamente dal Varignano e da Pisa, reliquie dell’Eroe e oggetti da lui stesso usati, una serie di suoi ritratti; dalla collezione Garella conservata presso la Palazzina delle Arti provengono invece un tondo di gesso del monumento equestre ai giardini pubblici e la riproduzione fotografica di un bassorilievo col ferimento in Aspromonte. La mostra è stata arricchita da una stampa originale di proprietà di Sergio Del Santo, già storico locale di grande spessore e amante della sua città.

Si ringraziano in particolar modo per l’evento Marinella Curre Caporuscio, Capo Delegazione FAI della Spezia, la Marina Militare, il Comandante Giampaolo Trucco, Vincenzo Tiné e Massimo Bartoletti della Soprintendenza di Genova, e Giuliana Zucchini Del Santo.

Per le informazioni pratiche sull’evento si consiglia di consultare il sito internet ufficiale della manifestazione alla pagina http://giornatefai.it/luoghi/90647