San Giuseppe anche al Frame: si fa festa con Omosumo e Make Like a Tree

Al circolo dell'Umbertino inizia già da questa sera il fine settimana di San Giuseppe. Da Palermo gli Omosumo, e domenica si chiude con le magiche atmosfere di Make Like a Tree

0
384

Un weekend di eventi anche al circolo dell’Umbertino: c’è aria di festa. Per il fine settimana di San Giuseppe infatti, la programmazione dell’Arci Frame prevede due concerti, musica italiana e internazionale, sempre all’insegna della ricerca delle novità più particolari e interessanti; sul palco del Frame, gli Omosumo e Make Like a Tree.

Si comincia già da questa sera, giovedì 16 marzo, alle 22.30 con il live di una band palermitana di rock elettronico/psichedelico, formata da Angelo Sicurella (voce, drum machine, synth), Roberto Cammarata (chitarra, synth), Antonio Di Martino (basso): stiamo parlando degli Omosumo. La band ha diversi album all’attivo, e la loro prima uscita discografica – l’EP “Ci proveremo a non farci male” (Malintenti/Edel), mixato da Mario J. McNulty (David Bowie, Lou Reed, Nine Inch Nails) – risale al 5 maggio 2013. La prima produzione viene seguita poi, da un primo tour estivo, il quale li porta sul palco di diversi festival, tra cui l’Ypsigrock di Castelbuono. Il 30 settembre 2014 esce il primo LP della band “Surfin’Gaza” (Malintenti/Edel), un disco ispirato dalla vicenda del Gaza Surf Club e di Surf4Peace, una comunità di surfisti di diverse nazionalità (palestinese, israeliana, americana, ecc.) che si ritrova per surfare insieme su un mare che sembra mettere da parte le guerre e gli scontri, che da troppo martoriano quelle terre. Il tour li porta a suonare fino agli Stati Uniti, al South By South West ad Austin, e li vede impegnati sui palchi dei più importanti club e festival italiani. Nel corso del tour di Surfin’ Gaza alla formazione live, si aggiunge il violoncellista Angelo Di Mino; una nuova formazione che dà vita al secondo full lenght album della band, il quale esce l’11 novembre 2016 per le stampe di Malintenti/Edel, ed è mixato dal produttore canadese Colin Stewart (Black Mountain, Sleepy Sun).

Sarà ancora tempo di live, straordinariamente di domenica, il 19 marzo: per festeggiare il patrono anche al Frame, il live di Make Like a Tree. Si tratta di una combinazione di musica, fotografia e videoarte, creata da Sergey Onischenko nel corso di anni di viaggi intorno al mondo, on the road e non-stop. Sergey è la quintessenza del viaggio: si definisce un vagabondo ucraino che ama portare in giro suoni indie-folk, con un tocco di anticonformismo e Beat Generation. Con lui, arriva anche la sua mostra di foto di viaggio, paesaggi minimalisti dai luoghi più svariati nel mondo. Ogni suo concerto è diverso: Sergey sperimenta con nuovi sound, musicisti, collaborazioni e pubblico. Un cosiddetto one-man-band, il quale, da un momento all’altro, può trasformarsi in ensamble d’improvvisazione: Soundscapes di Make Like a Tree è un viaggio nella natura, sulle montagne e tra il canto delle balene sul fondo dell’oceano. Insomma, l’atmosfera perfetta per la domenica di fine festa.

Il Frame, si ricorda, sarà come sempre aperto dalle 18:30 in poi. Per informazioni sui concerti o quant’altro: [email protected]