Villafranca, presentato il nuovo liceo scientifico ad indirizzo sportivo

0
973

Si è svolta ieri pomeriggio la presentazione al pubblico e agli addetti ai lavori del nuovo indirizzo sportivo del liceo scientifico di Villafranca. Presenti, oltre che diversi testimonial del mondo sportivo locale e non, anche il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri, Annalisa Folloni sindaco di FIlattiera, Carletto Marconi, rappresentante della Provincia e la dirigente scolastica Stefania Figaia.

Il primo a prendere la parola nella presentazione dell’evento è stato il sindaco di Villafranca Filippo Bellesi: “Villafranca ha una bella storia sportiva e noi siamo anche onorati di avere un impianto che non aveva pari all’interno della provincia (nuoto ndr.) che ha consentito a ragazzi di tutta la Lunigiana di allenarsi e partecipare a gare di un po’ in tutta Italia. C’è questo legame che parte da lontano, ma non è solo per il nuoto, si può parlare anche di calcio, di tennis e di un palazzetto dello sport per le attività indoor. Speriamo che il nuovo indirizzo sportivo, possa fare la fortuna del liceo e della Lunigiana tutta”.

liceo sportivo-1-2
Filippo Bellesi e Cosimo Ferri

Dopo Bellesi ha preso la parola il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri: “Una volta lo sport si faceva fuori dalla scuola, oggi però tutto è cambiato, fare un liceo con indirizzo sportivo vuol dire aprire tante prospettive, soprattutto su quello che può portare lo sport stesso, da un punto di vista agonistico ma non solo, sono tante le possibilità da vagliare, dall’insegnamento allo studio scientifico dell’alimentazione e delle legalità, nessuna strada è preclusa”.

Carletto Marconi, in veste di rappresentante dell’ente provinciale ha portato i saluti dell’Amministrazione di palazzo ducale: “Sono contento di portare il saluto dell’Amministrazione provinciale, che continua ad avere competenza sulle scuole superiori. Stiamo parlando di un progetto importante, dare un indirizzo nuovo nell’interesse della popolazione non solo scolastica ma anche del territorio. La Lunigiana è ricca di ottimi atleti sparsi in tutte le discipline, non possiamo che prendere come positiva questa nuova progettualità del liceo. Èimportante questo nuovo corso, utile anche per interpretare il territorio e limitare l’esodo dei ragazzi verso altre province. Come sindaco e come consigliere provinciale mi impegnerò per far sì che ci sia una rete di trasporto dedicata alle scuole, offrendo un buon servizio sotto questo punto di vista, incentiveremo gli studenti a rimanere in Lunigiana”.

liceo sportivo-1La dirigente scolastica Stefania Figaia, che da pochi mesi ha dato il cambio allo storico preside Fabrizio Rosi, ha dichiarato: “Quello del liceo scientifico sportivo è ancora un progetto, una proposta, aspettiamo fiduciosi la risposta positiva degli uffici scolastici provinciali e regionali. Abbiamo buone speranze, ma il percorso è da costruire assieme a tutte le autorità del territorio. L’indirizzo sportivo può rappresentare una grande risorsa perché potrà essere una scuola più aperta, un indirizzo che si potrà sviluppare attraverso strutture che la scuola potrà avere attraverso convenzioni e accordi con enti locali e privati, per cui ci attende un grande lavoro. Questo è un punto di inizio. Sono molto contenta di avere al mio fianco le autorità del territorio, solo in sinergia con loro si potranno raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Qualcuno prima di me ha fatto riferimento all’esodo dei giovani, tanti ragazzi vanno verso Fornovo e La Spezia, vogliamo dare una risposta costruttiva, la Lunigiana adesso ha tutta l’offerta formativa per quanto riguarda la scuola di secondo grado. Quello dell’indirizzo sportivo è un progetto davvero ambizioso, iniziato da chi mi ha preceduto”, ha concluso la dirigente.

I contenuti disciplinari e gli obiettivi dell’insegnamento del nuovo indirizzo sportivo sono in linea con quelli nazionali del piano di studi del liceo scientifico, a cambiare saranno le specificità di contenuto nelle discipline destinate a caratterizzare il corso. Vediamo quali.

Lo studio della fisica verrà proposto in stretto collegamento con gli insegnamenti di scienze motorie e discipline sportive, stimolando l’apprendimento di tematiche riguardanti la statica e la cinematica.
Per quanto riguarda le scienze naturali verranno approfondite le implicazioni chimiche sviluppate durante il gesto atletico, verranno approfonditi temi come il doping, studi di genetica, principi base delle scienze dell’alimentazione e problemi relativi all’impatto degli impianti sportivi sugli ambienti nei quali si esercitano attività sportive; si affronteranno anche argomenti di diritto ed economia dello sport.
Diverse saranno le discipline contemplate, dall’atletica leggera agli sport individuali e di combattimento, ma anche sport per disabili e sport integrato.
Chi uscirà dal nuovo indirizzo potrà avere notevoli competenze in ambito scientifico ma sarà anche lo specchio di un percorso pluridisciplinare in cui lo sport, il suo ruolo sociale, civico e di integrazione, conterà parecchio.
Gli Sbocchi? Di certo si potrà accedere a corsi di laurea di carattere scientifico, ma si apriranno più facilmente le porte anche a piani di studi accademici improntati verso il business, il giornalismo (sportivo) e diverse professioni legate al mondo dell’attività fisica come quelle di preparatori fisici, esperti di centri e strutture ad hoc, organizzatori di eventi, consulenti societari ed ovviamente operatori nel mondo della comunicazione.