L'associazione Babel prende posizione dopo l'ultimo consiglio comunale pontremolese

0
680

L’associazione Babel prende posizione in merito alla approvazione, durante lo scorso Consiglio del 29 Settembre, della vergognosa mozione del Presidente del Consiglio comunale Patrizio Bertolini, che tenta di opporsi alle Unioni civili e alle eventuali misure legislative anti-omofobia.

Durante dello scorso Consiglio del 29 Settembre, il Presidente del Consiglio comunale di Pontremoli Patrizio Bertolini ha proposto una mozione “in merito alla tutela della famiglia naturale”, connessa – a suo avviso – alla tematica della scuola. Una “mozione discriminante, omofoba e illegittima” – scrive Babel in una nota stampa. “Le opposizioni hanno giustamente osteggiato, in modi diversi ma con decisione, questo provvedimento, che pero? e? stato approvato, in un’aula semivuota e col sindaco assente”.

Il comunicato continua: “il documento valuta che “e? giusto opporsi a qualunque tentativo di introdurre nell’ordinamento giuridico disposizioni normative tali da alterare la stessa struttura della famiglia, comprimere i diritti dei genitori all’educazione dei propri figli, ignorare l’interesse superiore dei minori a vivere, crescere e svilupparsi all’interno di una famiglia naturale, violare i diritti alla liberta? di opinione e di credo religioso, garantiti e tutelati dagli articoli 21 e 19 della Costituzione, di tutti coloro che pubblicamente dovessero esprimere un giudizio critico nei confronti di orientamenti sessuali diversi da quello naturale tra un uomo ed una donna, o dovessero opporsi ai tentativi di snaturamento dell’istituto familiare, quali ad esempio l’introduzione del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la possibilita? di affidamento ed adozione di minori da parte di coppie dello stesso sesso e sosterra? eventuali campagne referendarie abrogative degli argomenti in oggetto”.

Nel documento si afferma percio? – al di la? dei giri di parole – che sia in qualche modo legittimo opporsi alla legge Cirinna? sulle Unioni civili e al disegno di legge Scalfarotto contro l’omofobia (che tra l’altro ancora non e? stato approvato). La mozione arriva a meno di 5 mesi dalla dichiarazione del sindaco secondo la quale “sarebbe giusto e corretto offrire uno strumento per permettere a chi non ha intenzione di celebrare le unioni gay di essere esentato”, dichiarazione che e? tristemente assurta alle cronache nazionali.

Cosa succederebbe, pertanto, se una coppia omosessuale volesse celebrare la propria unione a Pontremoli? Cosa comporta questa mozione a livello pratico ai cittadini e alle cittadine pontremolesi, oltre alla consueta dose di vergogna?

Babel resta in attesa di risposte, e ribadisce per l’ennesima volta il proprio no secco ad ogni genere di omofobia, paura, pregiudizio e discriminazione. Siamo gia? scesi in piazza, l’anno scorso, in 200 persone per uno Stravacco Party, un “party diffuso” tra i bar di Piazza della Repubblica per difendere i diritti di chi ama e perche? crediamo che etero, gay, bisessuali e trans debbano avere gli stessi diritti e doveri. Non abbiamo problemi a farlo di nuovo qualora questi diritti venissero messi a repentaglio nel nostro territorio”.

Per ulteriori informazioni: 338-6899896 oppure info@arcibabel.it.