0
463

La Casa della Salute ( se così si può definire) è diventata oramai priva di ogni sicurezza per i suoi utenti.

Pochi giorni fa un’anziano signore, si e recato presso la Casa della Salute per poter effettuare una visita presso gli ambulatori, nel raggiungere l’entrata principale di essa, mentre scendeva le scalette che vi sono per poter recarsi all’entrata, è caduto ed ha subito un grosso trauma cranico.

L’anziano signore è stato successivamente trasportato in ospedale, per la gravità del trauma.

I dirigenti della Casa della Salute hanno giustificato questo fatto dicendo che non avrebbe dovuto passare da quelle scalette, mi sorge spontaneo domandare dunque, doveva avrebbe dovuto passare? considerato che non vi è nemmeno uno scivolo per disabili, cosa che negli edifici pubblici andrebbero fatti, tanto meno dei cartelli che indichino l’effettivo ingresso, poiché da un lato vi sono delle scalette -pericolose per le persone anziane- e da un’altro ci escono le macchine degli infermieri territoriali e l’auto medica.

Tutti fattori dunque che si sommano all’ambulatorio del PPS molto piccolo, ed al disagio che subiscono gli utenti, ogni qual volta attendono il proprio turno in sala di attesa, visto che non è fornita nemmeno di un ventilatore per rinfrescare l’aria, ma soprattutto al degrado che si è formato ieri (03-08-2016) all’interno del parcheggio della Casa della Salute, divenuta quasi una discarica con tutti i rifiuti in un angolo.

Mi chiedo dunque se il degrado, e la poca sicurezza è ciò che vogliono fornire ai cittadini.

Questa SDS funziona male, è organizzata male, basterebbe vedere la SDS di Querceta, con al suo interno il polo del 118 separato dagli ambulatori, con la presenza dell’ambulanza con i volontari, ambulatori ampi, e sale di attesa confortevoli, di certo li le discariche non si formano.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.