Ferri e Buttini (FI) contro il PD: le corse pomeridiane dei treni per la Lunigiana ancora a rischio

0
337

La discussione sul nuovo accordo quadro tra Regione Toscana e RFI sulle corse lunigianesi diventa sempre più ampia. Questa volta, a intervenire, sono Jacopo Ferri, vice coordinatore Regionale FI e Manuel Buttini, Vice Coordinatore Provinciale.

“L’Assessore Regionale ai trasporti della Toscana Ceccarelli, nel tentativo di sminuire la figuraccia fatta dal PD con la Lunigiana sul taglio ai treni che collegano Pontremoli con l’entroterra toscano, è andato completamente in confusione e, con il comunicato stampa di ieri, ha peraltro confermato che i nostri timori purtroppo sono fondati.

Il treno Pontremoli – Firenze delle 6.01 della mattina con ritorno la sera alle 21.39 non era affatto oggetto di discussione. Lo erano e lo sono le altre quattro coppie di treni che collegano Pontremoli a Firenze Massa e Pisa durante la giornata. Con l’annuncio di ieri Ceccarelli conferma la volontà di spostarle a La Spezia, giustificando la scelta con lo scarso utilizzo di questi treni da parte dell’utenza. Ribadiamo che questa è una scelta sbagliata, lotteremo e vigileremo affinché non sia attuata perché sarebbe un ulteriore ed immeritato colpo di mannaia della Regione Toscana alla Lunigiana.

Ceccarelli inoltre afferma di non aver ancora siglato l’accordo e che è stato letto frettolosamente dai Sindaci. L’Assessore però non può negare il fatto che la Giunta Regionale lo abbia approvato (con tanto di tagli) lo scorso 8 marzo e, se non fosse stato per i Sindaci lunigianesi che hanno sollevato il problema, lo sarebbe stato sicuramente senza che nessuno muovesse paglia, nemmeno il consigliere Bugliani che, per bocca del consigliere comunale del PD Francesco Mazzoni, nei mesi scorsi annunciava potenziamenti sulla tratta.”

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.