0
216

“E’ urgente un intervento che risolva definitivamente i problemi della scuola.” Esordisce così Francesco Mazzoni, consigliere di minoranza del Comune di Pontremoli e diretto concorrente alle elezioni di sindaco contro l’attuale Baracchini.

“Prima il sindaco ha emanato un’ordinanza per chiudere il Pietro Ferrari poi lo ha riaperto senza che ci fosse un atto scritto, firmato e pubblicato, che attestasse l’assoluta sicurezza del fabbricato. Il mio obiettivo era ed è soltanto quello di far pubblicare il verbale del sopralluogo del Genio civile e tutti gli atti che assicurino e attestino chiaramente e in modo inequivocabile la sicurezza dell’edificio.”

La sicurezza e la chiarezza, soprattutto con le famiglie, è al primo posto.

“I genitori hanno tutto il diritto di sapere: il sindaco e l’amministrazione avrebbero già dovuto pubblicare tutto. Non si riapre una scuola senza avere in mano alcunché di scritto. Adesso il punto centrale è un altro: il problema non sono state semplici infiltrazioni d’acqua, ma il cedimento di un muro di mattoni che sostiene la copertura. Tant’è che è stato necessario puntellarla pesantemente. Perché il sindaco e l’amministrazione, anziché buttare via soldi tentando di “comprare” voti con gli asfalti, non realizzano un intervento che risolva definitivamente i problemi del Pietro Ferrari? Questa è la mia proposta. Le persone non sono ingenue: gli asfalti sono un diritto, non un favore. Gli asfalti sono ordinaria amministrazione. E soprattutto, gli asfalti possono e devono essere finanziati, ad esempio, con gli autovelox, quelli che paghiamo tutti noi pontremolesi insieme a molti turisti. A fronte di un’entrata straordinaria e consistente come i proventi ricevuti da Edison, il sindaco e l’amministrazione avrebbero dovuto programmare alcuni interventi seri e strategici: primo fra tutti, l’adeguamento e la messa in sicurezza della scuola.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui