“La dichiarazione del gruppo consiliare di Minoranza, pubblicata sulla pagine di cronaca locale, relativa all’Ostello di Treschietto, che accusa l’Amministrazione comunale Marconi di aver pensato all’ostello come strumento di facile propaganda elettorale piuttosto che opportunità del territorio, è assolutamente da rigettare come sterile e strumentale polemica, oltretutto priva di fondamento”.
In questa maniera inizia la risposta, questa volta totalmente politica, rispetto alla precedente di carattere più amministrativo, che la governance bagnonese invia, a mezzo di comunicato stampa all’opposizione che nei giorni scorsi aveva polemizzato sulla gestione e sulle mancate finalità dell’Ostello “La Stele di Treschietto”.

Il primo cittadino Carletto Marconi, nella nota divulgata, fa inoltre chiarezza sull’altra osservazione messa in luce dalla minoranza circa l’affidamento della gestione del complesso ricettivo, ritenuto non chiaro, ma nebuloso nei suoi contorni. Marconi traccia quindi il percorso che ha portato la coopertiva Stella Azzurra ad essere affidataria del servizio, puntualizzando quali siano stati i passaggi istituzionali per giungere a questa decisione.
“L’analisi delle procedure di affido testimonia, oltre ogni legittimo dubbio, che sono avvenute in tempi non sospetti a partire dal febbraio 2013, quando la giunta ha dettato il primo indirizzo affinché la gara di evidenza pubblica, avesse la massima visibilità e portasse la struttura ad essere al centro di tutto un sistema di promozione del territorio, compresi gli alpeggi e la sentieristica appena recuperati ed inseriti entro il Parco dell’Appennino Tosco Emiliano, al fine di garantire i necessari agganci per un turismo ambientale e consapevole , indirizzato anche al settore scolastico. La gara, andata deserta, è stata successivamente rivista sotto il profilo dei parametri economici, per favorire la gestione da parte delle cooperative sociali e si è dunque addivenuti ad una procedura negoziata, prevista dal codice dei contratti, alla quale ha manifestato interesse, alle stesse condizioni tecniche del precedente bando, la cooperativa sociale Stella Azzurra, che si è aggiudicata l’affido definitivo il 31/12/2013, con un’offerta tecnica che promuoveva la struttura entro il sistema del Parco dell’Appennino Tosco Emiliano, volano di una grande gamma di iniziative (dalle Porte del Parco/punti di informazione turistica e showroom dei prodotti del territorio, al turismo scolastico, agli eventi di natura escursionistica e tematica). L’Amministrazione Marconi si insedia nel giugno 2014, nei mesi in cui la cooperativa Stella Azzurra, avviava i necessari contatti con il Parco in vista dell’inaugurazione, procedeva al completamento degli allestimenti ed iniziava il percorso imprescindibile di valorizzazione del territorio al quale l’Amministrazione comunale ha sempre puntato, in sinergia con il Parco, consapevole che i percorsi di creazione dell’utenza non sono ne’ semplici ne immediati, ma necessitano di un costante e qualificato impegno. Alla luce di quanto sopra anche l’insinuazione della minoranza di un affido determinato da logiche puramente clientelari ed occupazionali, che sarebbero state messe in atto dall’Attuale Sindaco, appaiono assolutamente prive di alcun fondamento. L’Amministrazione Marconi rivendica, per contro, il necessario e legittimo ruolo di controllo sull’operato del gestore, necessario affinché la struttura ricettiva sia condotta nel rispetto delle leggi di settore e degli impegni contrattuali assunti tra le parti, affinché l’esistenza dell’Ostello a Treschietto rappresenti, non certamente il solo interesse della cooperativa, ma uno strumento di sviluppo e crescita economica, una opportunità in più per la comunità bagnonese, integrata e complementare rispetto alle maglie produttive, turistico ricettive, già presenti nel nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *