Enrico Rossi illustra i progetti per la ricostruzione di Aulla

1
279

Si è tenuta questa mattina ad Aulla la conferenza stampa del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, accompagnato dal Consigliere Regionale Loris Rossetti,  che ha portato, finalmente, buone notizie alla cittadinanza e alla Lunigiana tutta.

Durante l’incontro, infatti, il Presidente ha illustrato i progetti di ricostruzione che verranno attuati nei prossimi mesi, e le cifre stanziate per la loro realizzazione.

Sono, in tutto, 120 milioni gli euro stanziati per il progetto globale, precisamente 30 milioni che sono già stati indirizzati a enti pubblici e privati come risarcimento, e i restanti 90 milioni destinati alla ricostruzione. I primi interventi verranno fatti ai ponti di Stadano, per il quale verranno investiti 7 milioni di euro, seguito da quello di Castagnetoli con 4 milioni, di Mulazzo con 2,5 milioni e, infine, dal Ponte Magra di Villafranca per 1,6 milioni di euro. Per quest’ultimo entro il 30 marzo saranno appaltati i lavori che dovrebbero terminare entro la fine del 2015.

Per quanto riguarda la città di Aulla nello specifico, sono stati consegnati i lavori di Via Gobetti sull’Aulella dove si riscontrano continuamente allagamenti causati dal sistema fognario che andrà completamente rifatto. L’argine, invece, lungo Magra, spiega Enrico Rossi, è stato assolutamente necessario.

“Di fronte al disagio creato dalle concessioni fatte dai precedenti sindaci di far costruire i palazzi lungo il fiume, avevamo due scelte: spostare la città o costruire un argine, e abbiamo scelto concordamente la seconda perché il sistema fognario andava comunque rifatto o i problemi non si sarebbero risolti. Si stanno, infatti, rifacendo le fognature e sarà realizzato un terrapieno percorribile sulla sommità e bello esteticamente. So che per alcuni, come diceva Leopardi, questa costruzione “dell’ultimo orizzonte lo sguardo esclude”, ma era necessario per rendere Aulla sicura. “

Quindi procede a chiarire la situazione che riguarda la costruzione degli edifici in zona vecchia ferrovia: lavori iniziati già da tempo ma che, ci tiene a specificare Rossi, vanno a rilento a causa degli espropri, costati 3 milioni di euro, della bonifica bellica e ambientale, e del recente rilevamento di una cisterna, un altro punto da risolvere. In questo perimetro verranno costruite le scuole materne ed elementari per le quali sono stati stanziati 18 milioni di euro e il progetto è stato già appaltato, ma anche le scuole medie saranno completate e per queste saranno impiegati 9 milioni. Anche le case popolari saranno edificate in questo sito.

Le strade e la viabilità non vengono dimenticate, e rientrano nel progetto di ricostruzione che prevede un investimento di circa 11 milioni di euro. Infine, altri 20 milioni forniti dall’Unione Europea sono legati alle opere idrauliche e forestali.

Durante la mattinata, è stata tirata in ballo anche la questione che riguarda la chiusura degli uffici postali nelle piccole località lunigianesi da parte delle Poste, per la quale il presidente si schiera con i cittadini pronto a battagliare per la causa.

In chiusura, ringrazia tutti i funzionari dei comuni, della provincia e della regione per aver collaborato alla ricostruzione di una nuova Aulla, e ricorda dell’inaugurazione del nuovo treno della tratta Aulla – Lucca, promesso durante la scorsa campagna elettorale, che si terrà domenica 22 marzo.

1 commento

  1. Opere come quelle del ponte di Stadano dovrebbero già essere state ultimate , senza contare la situazione di Mulazzo , inoltre un argine costato ad oggi fior di milioni è evidentemente inutile , dato che la situazione di tutti i corsi d’acqua è allarmante dal punto di vista della sicurezza , ma siamo in campagna elettorale e bisogna promettere il massimo ….nn1nn1