Dalla Regione, 191.804 euro all’SdS per il progetto per disabili e ‘vulnerabili’ In.Lav.

Con questo finanziamento, l'SdS potrà realizzare l'ambizioso progetto che offrirà a 20 disabili o soggetti vulnerabili percorsi di accompagnamento e inserimento lavorativo (e terapeutico)

0
691

Siglata la convenzione fra Regione Toscana e Società della Salute della Lunigiana per “In.Lav. – Accompagnamento al lavoro per persone disabili e soggetti vulnerabili”: grazie a tale convenzione, l’SdS lunigianese potrà gestire un contributo complessivo di ben 191mila e 804 euro – quota massima di finanziamento pubblico ammessa – da destinare alla concretizzazione del progetto, presentato nei mesi scorsi dalla stessa SdS (in qualità di soggetto attuatore e capofila di un’Associazione Temporanea di Scopo).

L’obiettivo generale di “In.Lav.” è quello di promuovere ed avviare la realizzazione sul territorio lunigianese di un sistema diffuso, articolato ed integrato di servizi per l’accompagnamento al lavoro di persone disabili e soggetti vulnerabili da realizzare attraverso lo sviluppo di percorsi di sostegno all’inserimento socio-terapeutico e socio-lavorativo dei soggetti destinatari, gettando le fondamenta di un sistema integrato territoriale in grado di garantire la sostenibilità futura dei servizi attivati. L’obiettivo specifico del progetto “In.Lav.”, infatti, è quello di favorire l’inserimento lavorativo di almeno 20 persone disabili e vulnerabili di età compresa fra i 18 e i 65 anni attraverso una pluralità di servizi integrati e processi di accompagnamento al lavoro, sostenendo il passaggio dei giovani dall’istruzione all’occupazione e contribuendo a rafforzare la coesione sociale ed economica di un territorio difficile e svantaggiato come la Lunigiana.

Per la precisione il progetto si rivolge a persone in carico ai servizi socio–assistenziali, sanitari e/o socio–sanitari, in condizione di disabilità e iscritte negli elenchi previsti dalla legge 68/99, e a persone certificate per bisogni inerenti la salute mentale, in base alle normative vigenti; in entrambi i casi, le persone alle quali il progetto è destinato non devono avere una occupazione. Scendendo nei dettagli, il progetto si articolerà in una complessità di azioni integrate, con la finalità ultima di produrre il più positivo e durevole inserimento lavorativo dei soggetti coinvolti.

Le principali attività pensate e rivolte ai partecipanti consistono nell’accesso e nella presa in carico, con una selezione specifica dei partecipanti, finalizzata alla valutazione della possibilità di inserimento nei percorsi di accompagnamento al lavoro; nella valutazione del livello di occupabilità dei partecipanti; nell’orientamento dei partecipanti e nelle progettazione personalizzata; nella formazione personalizzata; nell’inserimento in azienda dei partecipanti per una durata media a persona di circa 704 ore, corrispondenti a 16 ore settimanali, per 11 mesi. L’SdS, oltre a strutturare tali percorsi, avrà il compito e l’impegno di portare a termine le attività progettuali entro 24 mesi a decorrere dalla data di sottoscrizione della convenzione con la Regione Toscana.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.